COMUNICATO STAMPA: RELAZIONE SEMESTRALE SU POTENZIALI REAZIONI AVVERSE DA VACCINO: VOGLIAMO SAPERE

Condividi subito la notizia

Con formale istanza del 28.02.2022 il Comitato “Salviamo la Costituzione”, “Mediterraneo no triv” e “Mamme libere di Policoro”, hanno chiesto all’AIFA e alla Regione Basilicata nonché all’Azienda Sanitaria di Matera e di Potenza di avere copia della relazione circa le potenziali reazioni avverse al vaccino Sars-Cov 2 e registrate nel semestre Giugno 2021-Dicembre 2021.

In effetti, l’ultimo rapporto acquisto e sempre previo formale accesso, risale al semestre precedente. Le associazioni, quindi, in merito alla trasparenza e all’obbligo di informazione che si deve rendere ai cittadini tutti, chiede anche di poter conoscere le ragioni della mancata pubblicazione di tali relazioni sul sito delle aziende sanitarie della Basilicata (ASM e ASP), atteso che, nella sezione vaccinazioni, avendo le predette aziende sanitarie fornito informazioni sui moduli di certificazione, autocertificazione, modulo consenso ecc…, si ritiene debba essere però anche assicurata, in modo fruibile e piena, anche l’informazione sulle potenziali segnalazioni avverse a seguito della campagna di vaccinazione svolta nella Regione Basilicata.

Si ricorda che a farmacovigilanza persegue, quali obiettivi di rafforzare i sistemi di farmacovigilanza, (ruoli e responsabilità chiaramente definiti per tutte le parti, razionalizzare le attività tra gli Stati Membri ad esempio attraverso una ripartizione delle stesse attività con condivisione del lavoro svolto evitando duplicazioni incrementare la partecipazione dei pazienti e degli operatori sanitari. migliorare i sistemi di comunicazione delle decisioni prese e darne adeguata motivazione, aumentare la trasparenza, tutti aspetti che appaiono purtroppo carenti.

Il Comitato Salviamo la Costituzione, Mediterraneo no triv e Mamm libere hanno ricordato ai destinatari della sollecitazione che la normativa è, o meglio, dovrebbe essere improntata ad una maggiore trasparenza e a migliorare la comunicazione rivolta, naturalmente, al cittadino -paziente. Al riguardo è stato previsto che siano resi disponibili al pubblico, attraverso i rapporti di valutazione pubblici, unitamente a una loro sintesi, i riassunti delle caratteristiche del prodotto e fogli illustrativi, i riassunti dei piani di gestione del rischio, l’elenco dei medicinali sottoposti a monitoraggio addizionale, le informazioni sulle diverse modalità per la segnalazione di sospette reazioni avverse dei medicinali alle autorità competenti da parte degli operatori sanitari e dei pazienti, compresi i moduli con maschera web di inserimento dati. Per tutte queste ragioni, e nell’ottica della massima trasparenza che dovrebbe guidare la campagna di vaccinazione, le associazioni hanno chiesto di avere copia e indicazione delle reazioni avverse ai vaccini anti covid-19 e comunicate e registrate nella regione Basilicata dai cittadini che si sono, appunto, sottoposti alla predetta vaccinazione e per il periodo successivo a giugno 2021 e sino ad oggi.

Inoltre, hanno anche chiesto di conoscere la determina, delibere che la regione Basilicata ha assunto per rendere conoscibili tali dati dai cittadini lucani e mediante la pubblicazione sui siti istituzionali delle aziende sanitarie ASM e ASP.

La richiesta è formulata ai sensi di quanto disposto dalla legge 241/1990 e dell’accesso civico generalizzato-Decreto Legislativo n. 97/2016 materia di trasparenza e accesso alle informazioni di rilevante interesse pubblico e collettivo.

Comitato “Salviamo la Costituzione”

Mediterraneo no triv

Mamme Libere di Policoro

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*