Sanità, ancora violenza sugli operatori. Giuliano (Ugl): “Vogliamo aspettare che ci scappi il morto?”

Condividi subito la notizia

Ancora violenza sugli operatori sanitari. “L’aggressione subita nei giorni scorsi da una
infermiera dell’Ospedale San Camillo di Roma è l’ennesimo vergognoso episodio
perpetrato ai danni di un professionista della salute. Vogliamo aspettare che ci scappi il
morto prima di intervenire per tutelare la loro sicurezza?” dichiara il Segretario
Nazionale della Ugl Salute Gianluca Giuliano. “Prendere l’emergenza Covid come causa
– prosegue il sindacalista – significherebbe creare un alibi per chi ha lasciato allo
sbaraglio ed indifesi gli operatori sanitari. Le notizie delle aggressioni riempiono da
anni, ben prima della pandemia, le cronache. Tutto quello che è stato fatto fino ad oggi
non basta. Esprimo a nome dell’intera Ugl Salute la massima solidarietà alla collega e a
tutti coloro che sono stati coinvolti in ignobili ed ingiustificate aggressioni. Torniamo a
richiedere di mettere in massima sicurezza tutti i professionisti, prendendo in
considerazione la possibilità di collocare dei posti fissi di pubblica sicurezza in tutti i
luoghi dell’assistenza pubblica e ove non fosse possibile ricorrere a servizi di sicurezza
privata. È evidente come l’approvazione della legge 113 dell’agosto 2020, con
l’inasprimento delle pene per chi commette atti di violenza sugli operatori sanitari, da
sola non basta. Bisogna intervenire con urgenza per creare ovunque passaggi dedicati,
che siano accessibili al solo personale sanitario, mettendo in sicurezza le zone più a
rischio ed evitando così possibili contatti con gli utenti. Chiediamo, infine, che venga
attuata una campagna di informazione per mettere in condizione i cittadini di capire il
ruolo fondamentale al servizio della nazione dai professionisti della salute”.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*