Gelo-neve: le preoccupazioni della Cia per colture ortive e “caro bollette riscaldamento”

Condividi subito la notizia

Il gelo e la neve di questi giorni hanno conseguenze dirette sulle coltivazioni ortive in campo quali cavoli, verze, cicorie, e broccoli, oltre a preoccupare per l’andamento vegetativo delle ortofrutticole. E’ l’allarme lanciato da Cia-Agricoltori di Potenza e Matera che segnala inoltre l’effetto pesante del “caro bollette” specie per riscaldare le serre e le aziende agricole. Finora le temperature non particolarmente rigide hanno consentito di non utilizzare troppo il riscaldamento in serra, nei depositi, in casa, ma l’inverno è ancora lungo e anche chi ha investito per impianti più autonomi sostenibili non è immune da questi rincari. Disagi sono segnalati anche nella viabilità delle aree rurali e delle contrade specie nell’area sud e della montagna materana dove, come al solito, sono i trattori degli agricoltori a liberare le strade.

Ma – rileva l’Associazione Pensionati Cia – l’aumento in bolletta di luce e gas da ottobre, rischia di rivelarsi una bomba sociale e soprattutto per gli agricoltori pensionati che percepiscono assegni al minimo e che, negli ultimi anni, si sono addirittura visti erodere il potere d’acquisto delle pensioni di oltre il 30%. Anp-Cia sollecita le istituzioni a stringere sulla questione scongiurando il peggio per molti cittadini e per quei pensionati, tanti, che sono già in difficoltà e lottano quotidianamente contro condizioni di vita per nulla dignitose, non avendo la garanzia di beni fondamentali come cibo e spese sanitarie. Problema, sottolinea Anp-Cia, che paralizzerà ancora di più le aree interne e rurali, come dimostrato anche dalla pandemia, le più carenti di servizi essenziali e socio assistenziali. 

Inoltre, Anp-Cia ricorda che nel 2020 sono state oltre 10 milioni, il 59,6% del totale, le pensioni erogate dall’Inps con un importo inferiore a 750 euro, con la percentuale che sale al 72,6% per gli assegni delle donne ed è ben più elevata se si prendono le sole gestioni degli ex lavoratori autonomi. In questo caso, la quota di assegni è al di sotto dei 750 euro mensili.

Dunque, per Anp-Cia, è arrivato il momento di rivedere il sistema della formazione dei costi sulla bolletta, tenuto anche conto del fatto che, attualmente, i cosiddetti “oneri di sistema” incidono fino al 50% del totale rispetto ai consumi reali. Infine, vanno anche mantenute tutte le agevolazioni e i bonus sulle bollette a beneficio dei soggetti con disagio sociale, comprese quelle introdotte per l’emergenza Covid. La difesa dei più deboli resti una priorità come previsto dalla Costituzione. 

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*