GEMELLAGGIO FRA MATERA E ISOLA CAPO RIZZUTO. IL SINDACO: “ALLEANZA OPERATIVA CHE PARTE DALLA CULTURA”

Condividi subito la notizia

“Non è un semplice atto formale, ma un’alleanza che sancisce un percorso comune che parte dalla cultura ma che contiene elementi di forte civismo, religiosi, sociali e comunitari”.

Così il sindaco Raffaello de Ruggieri ha commentato il gemellaggio firmato a Isola Capo Rizzuto fra le due città unite dal Vescovo, mons. Pino Caiazzo che nella città dei Sassi è alla guida della comunità da poco più di un anno.

Nel corso della cerimonia che si è svolta a Isola Capo Rizzuto, i due sindaci hanno sottolineato il valore di questo atto che si inserisce in un percorso di sviluppo dei territori e rappresenta il sinbolo di un Mezzogiorno che guarda avanti e che, come ha sottolineato il sindaco de Ruggieri citando La Malfa: “Coniuga i verbi al futuro. Per questo il patto che stringiamo oggi fra le nostre comunità – ha proseguito – costruisce un’alleanza operativa che parte della cultura e fortifica l’dentità di due luoghi e ne fa strumento di crescita. La storia di un luogo – ha aggiunto il sindaco – ne rappresenta il valore e deve condurre a politiche di nuova occupazione che non possono che passare dall’innovazione e dalla ricerca”.

Il Patto di amicizia  prevede, tra l’altro, di promuovere ricerche per lo sviluppo delle tradizioni locali, del patrimonio ambientale e culturale dei rispettivi territori.

Tra i punti salienti, inoltre, si riserva particolare importanza agli scambi nel settore scolastico per la reciproca conoscenza, fra le associazioni sportive e ricreative per sviluppare il confronto interculturale e per la valorizzazione del patrimonio  artistico locale oltre alla promozione e canalizzazione dei flussi del turismo.

“L’incontro a Isola Capo Rizzuto – prosegue il sindaco – ha rappresentato un significativo momento di confronto che ha riguardato non solo i temi contenuti nel patto di allenza che abbiamo firmato, ma anche gli elementi che rappresentano le nostre rispettive culture e che fanno di aree del Sud come le nostre, luoghi nei quali la cultura è la culla di una storia millenaria”.

Presenti all’incontro anche il vice Prefetto di Crotone, Maria Carolina Ippolito, il sindaco di Cutro, Salvatore Di Vuono e il parroco di Isola Capo Rizzuto don Edoardo Scordio, testimone della lotta alle cosche malavitose.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*