CONFARTIGIANATO: PRIMATO PMI BASILICATA UTILIZZATRICI DI “cloud computing”

Condividi subito la notizia

La Basilicata con il 23,9 per cento delle imprese utilizzatrici di “Cloud computing” – tecnologia che consente di usufruire, tramite server remoto, di risorse software e hardware (come memorie di massa per l’archiviazione di dati), il cui utilizzo è offerto come servizio da un provider, specialmente  in abbonamento – detiene il primato tra le regioni italiane. Il dato è emerso nella Convention Servizi di Confartigianato dal titolo “BIT – Generation – sulla strada del digitale”.

Due giorni di lavoro, di confronto e dibattito tra tutti i funzionari del Sistema Confartigianato,  nello specifico sui temi dell’innovazione tecnologica digitale e l’offerta di servizi sempre più innovativi ed efficaci agli imprenditori associati.

In una economia imperniata su imprese di minore dimensione – commenta Rosa Gentile dell’esecutivo nazionale Confartigianato – assume una particolare rilevanza l’offerta di servizi scalabili e con bassi costi fissi, come quelli di cloud computing, mediante i quali si amplia il set di servizi disponibili per l’impresa, incrementando la potenza di calcolo e/o la capacità di memorizzazione.

confartigianato 2 - Radio Laser - news matera potenza puglia e basilicataNel dettaglio dei servizi a pagamento di cloud computing, il servizio di posta elettronica è il più diffuso presso le imprese (18,2% delle imprese): seguono l’archiviazione di file (8,7%), l’hosting di database dell’impresa (8,4%), il software per ufficio (7,6%), il software customer relationship management (CMR) (4,2%), il software di finanza e contabilità (4,1%) e la potenza di calcolo per eseguire software di impresa (2,1%).

A livello territoriale l’utilizzo del cloud computing è più diffuso nel Nord-Est (23,9% delle imprese) e meno nel Mezzogiorno (17,7%). Più di una impresa su quattro sfrutta questi servizi in Basilicata (29,3%) e Provincia Autonoma di Bolzano (25,6%); seguono Lombardia (24,4%), Lazio (24,3%) e Emilia-Romagna (24,1%).

A livello settoriale oltre la metà delle imprese di Informatica ed altri servizi d’informazione (52,8% delle imprese) utilizza questa tipologia di servizi, che risulta ampiamente diffusa anche presso Agenzie di viaggio e tour operator (47,4%), Telecomunicazioni (47,3%), Produzione audio e video (43,3%) ed Attività editoriali (42,4%). Nelle imprese dell’ICT l’uso del cloud computing (48,3% delle imprese) è oltre due volte superiore alla media.

Il lavoro artigiano – aggiunge Gentile – è fortemente coinvolto nei cambiamenti del sistema produttivo determinati dalla connettività degli oggetti . L’artigianato e le piccole imprese sono già protagonisti dell’Internet delle coseL’Ufficio studi di Confartigianato ha calcolato che le imprese digitali – che conoscono ed utilizzano almeno una tecnologia digitale – sono il 29,6% del totale delle micro e piccole imprese fino a 20 addetti.  Un cambiamento di “competenze professionali, conoscenze e nuove abilità che oggi sono una risorsa per le piccole imprese e per le nostre associazioni territoriali. Non vogliamo celebrare la tecnologia in quanto tale, ma capirne le opportunità che ci offre“.

Condividi subito la notizia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*