Uil: Al via anche in Basilicata campagna “Patto di stabilità? No, grazie!”

“Patto di stabilità? No, grazie!” è il titolo della nuova campagna della Uil, lanciata oggi dalla Uil che si svilupperà nel corso dell’anno. A dare il via all’iniziativa e a illustrarne contenuto e obiettivi è un video del Segretario generale, PierPaolo Bombardieri, pubblicato su tutti i canali social, sulla piattaforma “Terzo Millennio” della Uil  (può essere visionato al link https://we.tl/t-zLsyR68PCK).

 “In queste settimane – ha detto Bombardieri – la Commissione europea ha avviato il dibattito per la revisione della governance economica e del Patto di stabilità da cui, nel corso di questi anni, sono scaturite le politiche di austerità e i tagli agli investimenti, alla sanità e alle politiche sociali. Noi chiediamo una politica economica più giusta che riduca le disuguaglianze e garantisca un futuro ai nostri giovani. Ecco perché – ha sottolineato Bombardieri – proprio nel momento in cui la Commissione inizia la discussione sull’argomento, la Uil ha deciso di impegnarsi direttamente con una campagna per dire ‘no’ al ritorno delle regole del Patto di stabilità e per chiedere alla politica scelte conseguenti, a livello nazionale ed europeo, per un nuovo modello di sviluppo più equo e socialmente sostenibile”.

 Con questa forma di mobilitazione social, dunque, la Uil inviterà militanti, iscritti, lavoratrici e lavoratori, pensionate, pensionati e giovani a scendere nella piazza digitale e a farlo con una foto con il “pollice verso” davanti a un cartello o a un totem che richiamano l’hashtag #NoPattoStabilita; immagine da condividere, poi, su tutti i canali social. Lo stesso hashtag, inoltre, sarà rilanciato in occasione di un “Tweet-Day” fissato per il prossimo 27 gennaio mentre, sin da subito, la community della piattaforma Terzo Millennio sarà il luogo virtuale dove ci si potrà confrontare in merito a proposte e idee per ricostruire l’Europa sociale.

Nei prossimi giorni la segreteria regionale Uil definirà gli aspetti organizzativi dello svolgimento della campagna in Basilicata.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*