RIGONFIAMENTO ASFALTO PISTICCI SCALO. LA PROVINCIA INTERVERRA’ SUBITO

Lo avevamo segnalato appena ieri, 7 gennaio 2022  e l’Amministrazione Provinciale di Matera,   ha subito fatto sapere che interverrà  per risolvere il problema relativo al rigonfiamento laterale dell’asfalto dell’arteria provinciale  che conduce allo Scalo, all’Anic e al Quartiere Residenziale, attesa la sua potenziale pericolosità per il traffico stradale sempre notevole e veloce in quella zona. E la cosa non può che fare piacere non solo a noi che lo abbiamo segnalato, ma anche a chi è sempre attento ai problemi del nostro territorio. In particolare, come spiegano dalla Provincia, l’opera rientrerà in un contesto più ampio che riguarderà anche altri interventi sulla S.P.  18 con la messa in sicurezza  e segnaletica orizzontale. Ovviamente occorre rispettare certi tempi di un normale  iter per la realizzazione delle opere progettate e da eseguire e la cosa, naturalmente,  rientra nella normalità degli interventi. Sicuramente però, la risoluzione del  disservizio su quel tratto segnalato di Pisticci Scalo, dovrebbe avere una certa priorità.  Di tutto questo occorre dare atto all’Ente materano  di via Ridola  del Presidente Pietro Marrese e dal  Settore Tecnico dello stesso  guidato dall’Ing. Pietrocola per  la responsabile pronta risposta alla risoluzione di un problema  serio  che a lungo andare poteva avere serie conseguenze. Della cosa è stata informata anche  l’Amministrazione comunale guidata dal sindaco  Domenico Albano e in particolare l’Assessore ai LL.PP. Rocco Negro che, dopo il nostro servizio, si era mosso  di conseguenza verso l’Amministrazione Provinciale. Sull’argomento, per l’occasione,  ci preme sottolineare anche  l’interessamento del parroco del Quartiere Residenziale dello Scalo,  don Giuseppe DITOLVE, che, dopo aver letto il nostro servizio,  ci ha informato, sempre per quanto riguarda i problemi stradali della zona, di un suo intervento di qualche tempo fa, verso il Presidente della Provincia, Marrese,  attraverso una missiva in cui venivano elencate le  immediate necessità di intervento in un centro  abbastanza popolato del territorio  del nostro comune.  

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*