SMARTWORKING: BONELLI-EUROPA VERDE: BRUNETTA DIFENSORE DELL’ECONOMIA DEL TRAMEZZINO IN EUROPA SAREBBE GIA STATO DIMESSO NON ACCETTA CRITICHE E MI HA BANNATO SUI SOCIAL

“ In tutta Europa lo smart working è utilizzato come strumento per rendere più accessibile il lavoro, ridurre il traffico e quindi l’inquinamento e in tempi di Covid per contrastare i contagi invece in Italia abbiamo il ministro Renato Brunetta che per difendere l’economia del tramezzino impone la sua folle linea dello stop al telelavoro.” lo dichiara il co-portavoce nazionale di Europa Verde che aggiunge.
“ Ho fatto presente questa grave contraddizione del governo e il ministro Brunetta mi ha “ punito bannandomi ” dai social a partire da Twitter perché non tollera critiche.”
“La posizione di Brunetta sullo smart working- continua l’esponente dei Verdi- è l’esempio di totale inadeguatezza e incapacità di un ministro della Repubblica che blocca il lavoro agile per una sua personale crociata, mentre in Italia riescono drammaticamente i contagi.”
“ Con l’Italia che sta arrivando a 200 mila contagi al giorno e mentre non ci sono investimenti sui trasporti pubblici e chi finisce in quarantena non viene pagato perché non è riconosciuta la malattia e il paese deve sopportare le scelte di un ministro che sta mettendo chi lavora in grave difficoltà.”
“ Un ministro come Brunetta in qualsiasi governo d’Europa sarebbe stato accompagnato alla porta da tempo, in Italia causa l’anomalia di un governo profondamente eterogeneo e contraddittorio dobbiamo tenerci come ministro Brunetta il bannatore.”conclude Bonelli

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*