LA NOSTRA STORIA. IL NOSTRO NATALE COL PRESEPE, PETTOLE E CARTELLATE

di MICHELE SELVAGGI

PISTICCI. La nostra storia questa volta si sofferma sulla festa più bella e più attesa da tutti: il Santo Natale. Quello attuale e soprattutto quello di tanti anni fa, con dei denominatori comuni come il presepe, pettole e cartellate. Usanze, un po’ scomparse nel tempo, ma sempre vive nei ricordi che ci accompagnano. Chissà quanti ancora hanno a mente quell’incantevole mondo del presepe di una volta che nelle nostre case si rinnovava ogni anno già a partire dai primi di dicembre. Grande attesa per tutti e grande festa da vivere insieme con le sue tradizioni. La più bella festa dell’anno, come l’hanno definita scrittori e poeti. Un Natale che nelle nostre case non era tale, senza che il Bambinello, la Madonna, San Giuseppe, il bue, l’asinello e i re magi, non fossero li a rappresentare il richiamo ai valori di un favoloso mondo che a volte ci fa ritrovare la forza di poter contrastare avversità e angosce quotidiane. Il presepe è sempre quello che abbiamo sognato e desiderato da bambini, con l’attesa di un anno, di pari passo con la tradizione millenaria che richiama la simbologia cristiana e la memoria culturale di ognuno di noi. Ma non è sempre così perché in molte case, purtroppo, il presepe non c’è più o non c’è mai stato, facendo posto all’albero di Natale, fino a poco tempo fa, pianta naturale di boschi e pinete. Ora pianta virtuale nelle nostre case. Un segno dei tempi che corrono, corrono e non hanno più rispetto del passato, recente o remoto, che non torna più. Un Natale che si caratterizzava anche con l’arte culinaria, simbolo che inebriava e profumava i nostri ambienti e che si chiamava “pettole”, porcedduzzi e “cartellate, il “dolce “di carta” pisticcese, conosciuto in gran parte del mondo. Passando per vie dell’ abitato, di questi giorni, si restava inebriati del profumo delle nostre specialità natalizie. Prodotti squisiti, ideati e tramandati attraverso i secoli dai nostri avi. Purtroppo, anche qui, qualcosa è cambiato, con i camini delle nostre case, che ormai hanno fatto posto ai vari forni, dove ora, questi prodotti si producono e si comprano. Ovviamente, le nuove generazioni forse non capiranno mai il significato di quel pezzo di massa lavorata in casa, fritta e condita in vari modi. Chi ha una certa età invece, capisce, eccome, il valore di una ricetta originaria che ha fatto la storia. Ora, il vecchio caro Natale è in versione “moderna”, che viaggia al passo dei tempi, magari, dimenticando presepi, pettole e cartellate senza lasciare scampo ai ricordi. Non ci resta che il dolce canto di “ Tu scendi dalle stelle”. Che nessuno toccherà mai. Buon Natale a tutti.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*