Matera, 25enne arrestato dalla Polizia di Stato per fabbricazione e detenzione di una pistola clandestina

La Polizia di Stato di Matera ha arrestato in flagranza di reato un 25enne materano per fabbricazione e detenzione di arma clandestina.

L’arma, una pistola scacciacani modificata artigianalmente mediante sostituzione della canna originale con un pezzo di acciaio tornito e forato che la rendeva perfettamente funzionante e idonea a sparare come una pistola vera e propria, è stata trovata nella sua abitazione dagli agenti della Squadra Volante, dove gli stessi si sono recati a seguito di una richiesta di intervento al 113 per un litigio in atto.

Quando gli agenti sono arrivati, hanno trovato il giovane intento a fumare uno spinello che ha assunto un atteggiamento non collaborativo. Osservando l’abitazione e gli arredi, si sono allora accorti della presenza su un mobile della cucina di una bustina, con all’interno della marijuana e un piccolo pezzetto di hashish.

Hanno così deciso di procedere a una perquisizione personale e domiciliare, che ha permesso di rinvenire la pistola modificata sul comodino della camera da letto.

La pistola era altresì carica: infatti, all’interno del caricatore già inserito, c’erano due cartucce a salve modificate anch’esse, con l’inserimento di un’ogiva nel nucleo del bossolo.

Inoltre, in un armadio sono state rinvenute diverse borse e mascherine con marchi contraffatti, che l’uomo ha detto di aver acquistato via internet con l’intenzione di rivenderle. All’interno di un box nella disponibilità dello stesso soggetto, sono state rinvenute 45 cartucce a salve per la cennata pistola.

La pistola, le cartucce, la droga e la merce contraffatta sono state sequestrate mentre l’uomo è stato arrestato e condotto in carcere a disposizione dell’Autorità giudiziaria. Lo stesso è stato anche denunciato per ricettazione e commercio di merce contraffatta.

Il Gip del Tribunale di Matera ha successivamente convalidato l’arresto disponendo contestualmente la misura degli arresti domiciliari, tenuto conto anche del fatto che il soggetto è incensurato.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*