Bolognetti: Non ci sono untori, ma solo troppi bugiardi

Di Maurizio Bolognetti, Segretario di Radicali Lucani (in sciopero della fame dalle ore 23.00 del 24 novembre)

Cari terroristi, cari invasati, cari detentori di non so quale verità, cari governanti del nulla, cari crociati, cari scienziati che avete ridotto la scienza a dogma e a scienza di regime. A tutti voi che avete trasformato una tragedia collettiva in farsa, a voi che siete responsabili di migliaia di morti, a voi che alimentate odio e cieca paura, a voi che negate conoscenza, a voi che tradite la Costituzione e state alimentando una emergenza democratica che in pochi vedono, segnalo un interessante articolo apparso su The Lancet nelle scorse ore.

In una situazione socio-economica disastrosa niente di meglio che focalizzare l’attenzione del Paese su chi legittimamente ha deciso di non vaccinarsi. Capro espiatorio perfetto per distogliere l’attenzione da altro, inclusa la gestione di questa emergenza.

Spero che la lettura possa rappresentare un antidoto contro una pericolosa, antiscientifica e criminale campagna di discriminazione.  

The Lancet, dicembre 2021

di Gunter Kampf 

“Ci si aspettava che alti tassi di vaccinazione COVID-19 riducessero la trasmissione di SARS-CoV-2 nelle popolazioni riducendo il numero di possibili fonti di trasmissione e quindi riducendo il carico della malattia COVID-19. Dati recenti, tuttavia, indicano che la rilevanza epidemiologica degli individui vaccinati contro il COVID-19 è in aumento. Nel Regno Unito è stato descritto che i tassi di attacco secondario tra i contatti familiari esposti a casi indice completamente vaccinati erano simili ai contatti familiari esposti a casi indice non vaccinati (25% per i vaccinati vs 23% per i non vaccinati). 12 su 31 infezioni in contatti familiari completamente vaccinati (39%) sono derivate da casi indice collegati a livello epidemiologico completamente vaccinati. La carica virale di picco non differiva in base allo stato di vaccinazione o al tipo di variante. In Germania, il tasso di casi sintomatici di COVID-19 tra i completamente vaccinati (“infezioni rivoluzionarie”) è segnalato settimanalmente dal 21 luglio 2021 ed era del 16,9% a quel tempo tra i pazienti di 60 anni e più. Questa proporzione sta aumentando di settimana in settimana ed era del 58,9% il 27 ottobre 2021, fornendo una chiara evidenza della crescente rilevanza dei vaccinati come possibile fonte di trasmissione. Una situazione simile è stata descritta per il Regno Unito. Tra la settimana 39 e la 42, sono stati segnalati un totale di 100.160 casi di COVID-19 tra cittadini di età pari o superiore a 60 anni. 89.821 si sono verificati tra i completamente vaccinati (89,7%), 3.395 tra i non vaccinati (3,4%). Una settimana prima, il tasso di casi COVID-19 per 100.000 era più alto nel sottogruppo dei vaccinati rispetto al sottogruppo dei non vaccinati in tutti i gruppi di età di 30 anni o più. In Israele è stata segnalata un’epidemia nosocomiale che ha coinvolto 16 operatori sanitari, 23 pazienti esposti e due familiari. La fonte era un paziente COVID-19 completamente vaccinato. Il tasso di vaccinazione è stato del 96,2% tra tutti gli individui esposti (151 operatori sanitari e 97 pazienti). Quattordici pazienti completamente vaccinati si sono ammalati gravemente o sono morti, i due pazienti non vaccinati hanno sviluppato una malattia lieve. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) identificano quattro delle prime cinque contee con la più alta percentuale di popolazione completamente vaccinata (99,9-84,3%) come contee “ad alta” trasmissione. Molti decisori presumono che i vaccinati possano essere esclusi come fonte di trasmissione. Sembra essere gravemente negligente ignorare la popolazione vaccinata come possibile e rilevante fonte di trasmissione al momento di decidere sulle misure di controllo della salute pubblica”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*