Il Comune di Tito aderisce alla Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità

Quest’anno il Comune di Tito aderisce alla Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità del 3 dicembre, istituita nel 1992 dall’ONU. Ne promuove i valori e individua come impegno primario il superamento delle barriere fisiche, cognitive, sensoriali e culturali nei luoghi della cultura, con il consueto slogan “Un giorno all’anno tutto l’anno”.

L’ amministrazione comunale, in collaborazione con il disability manager Gerardo Laurenzana, ha deciso di illuminare il Palazzo Civico in Piazza del Seggio di blu, il colore scelto come simbolo di questa giornata.

“Sono molto felice di collaborare con questa amministrazione comunale molto sensibile al tema della disabilità, dell’inclusione sociale – commenta Gerardo Laurenzana –. Stiamo lavorando sul Peba, ovvero i Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, che sono gli strumenti in grado di monitorare, progettare e pianificare interventi finalizzati al raggiungimento di una soglia ottimale di fruibilità degli edifici per tutti i cittadini. Il lavoro è lungo, ma l’importante è iniziare e non far mancare la volontà di garantire sempre più il diritto di tutti alla partecipazione alla vita sociale del nostro Paese”.

La Giornata ha lo scopo di sensibilizzare sul tema del diritto universale a prendere parte attivamente ad ogni ambito della vita sociale; di stimolare il dibattito ed il confronto sulla necessità di dar luogo ad una società equa e dialogante; di contribuire al superamento di ogni forma di razzismo e di esclusione.

La Giornata si inscrive in un più ampio contesto di ripartenza, di contrasto alle discriminazioni di ogni genere e di incremento delle prospettive di crescita e di coesione sociale, che rientra negli obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e, in particolare, in quelli inerenti alla qualità dell’educazione, alla riduzione delle disuguaglianze e al rafforzamento del dialogo tra i popoli.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*