Pippi Dimonte, Claudio Cadei e Massimo Don al Museo Internazionale della Musica di Bologna presentano il loro teatro-concerto

Pippi Dimonte al contrabbasso, Claudio Cadei al violino e lavta, Massimo Don attore e voce narrante, nell’ambito della rassegna “Good Vibrations il Novecento raccontato in parole e musica”,  Venerdi 22 Ottobre alle ore 17,30 presentano presso il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna  (nello storico Palazzo Sanguinetti in Strada Maggiore 34),  la lettura scenica in forma di concerto dello spettacolo “A chi viene da terra, a chi viene dal mare” tratto da “Le città invisibili” di Italo Calvino.

Chi comanda al racconto non è la voce: è l’orecchio”. Questa è la raccomandazione che apre la narrazione e che invita lo spettatore ad appropriarsi intimamente del senso delle parole che ascolterà. “A chi viene da terra, a chi viene dal mare” nasce dalla volontà di condividere la ricerca di un percorso che l’ampia mappa del testo di Calvino mette a nostra disposizione: si tratta di un viaggio verso la città ideale, un anelito che è tanto intellettuale quanto estetico ed emotivo. Il viaggiatore, un Marco Polo di oggi, in cui lo spettatore è chiamato ad identificarsi , affronterà le tappe che lo porteranno ad approfondire la conoscenza del mondo e di se stesso.

Il racconto, nell’interpretazione di Massimo Don, prende tempi e tonalità dall’intreccio profondo con la musica che lo accompagna, composizioni originali interamente scritte e arrangiate da Pippi Dimonte e Claudio Cadei. I suoni e le atmosfere conducono l’ascoltatore da una tappa all’altra del percorso, evocando profumi, sapori e rumori percepiti nelle diverse città del vasto impero di Kublai Khan.

Massimo Don è un attore e doppiatore di cinema e teatro. Recentemente ha partecipato a diverse produzioni cinematografiche e televisive con Mediaset, Sky e Rai Cinema. Da anni collabora in progetti teatrali ed educativi con il Teatro del Pratello ed il Teatro dei Venti.

Claudio Cadei compositore e violinista fra musiche popolari e jazz è anche un antropologo che si interessa da sempre di ritmi e sonorità mediterranee. Con il gruppo Les Touches Louches ha pubblicato due album “Il Grande Incanto” e  “Terra di Nessuno”. E’ tra i fondatori della SMK Factory  Produzioni Visive per la quale cura colonne sonore e composizioni.

Pippi Dimonte è un musicista e compositore che vive a Bologna.  Dotato di grande tecnica e versatilità suona in numerose  formazioni e col suo contrabbasso è sempre in giro per concerti in club e teatri sia Italia che all’estero. Ha pubblicato quattro album: Morning Session (2014), Hieronymus (2016). Trio Mezcal (2018) e Majara (2020). Il critico musicale americano Dave Sumner lo ha citato fra i contrabbassisti più interessanti della scena jazzistica internazionale. Attualmente è impegnato in due nuovi progetti: Pippi Dimonte Trio e  con l’Ensemble Majara.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*