LA “QUARANTENA” DI GRASSO AD ARGOLIBRI

Incontro con l’autore, il 16 agosto, al resort di Marina di Pisticci 

2020 = QUARANTENA” alla rassegna letteraria “ArgoLibri”. L’appuntamento è per lunedì 16 agosto, alle ore 21, nella terrazza caffè del Porto degli Argonauti, luxury resort a Marina di Pisticci. Non il classico racconto o il solito romanzo di genere. Ma un testo sui generis. Più precisamente, un “Diario semiserio” scritto dal giornalista e poeta, Antonio Grasso. Una rilettura, in chiave ironica, della pandemia da Sars-Cov2. Già il titolo “2020 = QUARANTENA” e la vignetta di copertina, a firma di Mario Bochicchio, preparano il lettore all’iperbole del testo. Che prosegue, di fatto, il singolare filone ironico/satirico/umoristico inaugurato dallo stesso Grasso, nel 2014, con l’irriverente “Grasso che COLA”. Fatti ed esperienze vissute in forma collettiva, dal lockdown in poi, rivisitati dall’autore attraverso un’esilarante raccolta di battute e aforismi. E da leggere “fra le righe”. Sotto l’acuta lente d’ingrandimento dell’autore tutti i luoghi comuni della stessa pandemia, le più bizzarre trovate e i più stravaganti tic, i ritardi e le inadempienze gestionali, gli sprechi e le speculazioni, le fake news e le “mezze verità” veicolate a piene mani e senza guanti nella convivenza quotidiana col maledetto virus. Fin dalla sua misteriosa origine, in Cina. Un libro rievocativo ma, al tempo stesso, “dissacrante”. Pubblicato per i tipi di Borè Edizioni. 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*