AL CASTELLO SVEVO DI BARI STRING REVOLUTION – AYSO ORCHESTRA

SABATO 07 AGOSTO 2021
ORE 19.30

In occasione dell’iniziativa che prevede l’apertura straordinaria serale dei luoghi della
cultura della Direzione e nel rispetto della normativa anti-Covid, sabato 7 agosto alle ore
19.30, il Castello Svevo di Bari accoglierà nella sua corte centrale l’ultimo dei concerti
proposto dall’AYSO – Apulian Youth Symphony Orchestra, organizzato dalla società
Password, patrocinato dalla Presidenza del Consiglio regionale ed usufruisce del prezioso
sostegno di Fondazione Puglia e del Garante dei diritti del Minore, dal titolo String
Revolution.

In questo concerto, inserito nella rassegna Classica4Youth, i trenta giovani musicisti e
compositori scelti, dell’Ayso String Orchestra, provenienti da diversi conservatori
italiani, diretti dalla M° Teresa Satalino, potranno confrontarsi con artisti di altissimo
profilo professionale quali Emanuele Silvestri, primo violoncello Israel Philarmonic
Orchestra, Emanuele Pedrani, contrabbasso dell’Orchestra del Teatro alla Scala di
Milano, Carlo Parazzoli, concertmaster dell’Orchestra Nazionale di Santa Cecilia.
Il repertorio, in un suggestivo e travolgente viaggio musicale, ripercorre brani caratterizzati
da innovativi slanci creativi e contaminazioni tra i generi.
Nella Serenata Op. 22 di Antonìn Dvoràk, scritta a Praga nel 1875, domina l’elemento
popolare nazionale, i canti di strada e di campagna, le melodie semplici dei contadini e gli
stilemi cechi più autentici.

La Sinfonia in si minore per archi composta da Mendelssohn fra gli undici e i quattordici
anni, dal 1821 al 1823, si distingue per la chiarezza e la scorrevolezza melodica e per la forma
perfettamente classicheggiante da cui emerge una fantasia precocemente spigliata e
brillante e un taglio ritmico deciso e sicuro, davvero sorprendenti in un ragazzo non ancora
adolescente, che sembra ripetere il “miracolo” mozartiano.
Il carattere innovativo di musica non accademica, chiara ed espressiva del Concerto per
violino e flauto in re maggiore 512 di Antonio Vivaldi si basa sulla ricerca di un
particolare rapporto soli-tutti in una costruzione formale dialettica dove predominano la
dimensione di dialogo, l’alternanza fra gruppi sonori e una compenetrazione “espressiva”
delle singole articolazioni strumentali.
Le contaminazioni sono la cifra stilistica inconfondibile del compositore e violoncellista
italiano di fama mondiale Giovanni Sollima che in Violoncelles, Vibrez! libera la sua
curiosità creativa esplorando nuove frontiere nel campo della composizione: rock, jazz,
electronic, minimalismo anglosassone e musica etnica di tutta l’area mediterranea, sulla
base di una profonda preparazione classica.
Il Tango Ballet di Astor Piazzolla rappresenta la rivoluzione del tango argentino con
suggestioni che provengono dal jazz, dalla musica sinfonica e da camera. Composto nel 1956,
il Tango Ballet è una suite programmatica che è stata successivamente trascritta per
orchestra e quartetto d’archi.
Informiamo i visitatori che, in occasione dell’evento, il Castello Svevo di Bari effettuerà
apertura straordinaria serale fino alle ore 22.30, con ingressi garantiti nel
rispetto del numero massimo previsto dal protocollo anti-Covid dell’Istituto e

titoli d’accesso acquistabili tramite il seguente link

https://www.coopculture.it/it/eventi/evento/string-revolution-ayso-orchestra.-concerto-al-castello-svevo/

Informazioni per il pubblico

Orario del concerto: ore 19.30
Capienza massima ospiti: 120 posti a sedere all’aperto
Costo: la fruizione del concerto è inclusa nel normale biglietto d’accesso al Castello: 6 euro,
eccetto riduzioni e gratuità di legge
Prenotazione: obbligatoria tramite acquisto del biglietto
Modalità di acquisto: è possibile acquistare online al seguente link

https://www.coopculture.it/it/eventi/evento/string-revolution-ayso-orchestra.-concerto-al-castello-svevo/

Modalità di fruizione in caso di pioggia: esclusivamente in caso di pioggia, il concerto
si svolgerà eccezionalmente in Sala Bona Sforza dove i prenotati, suddivisi in due gruppi da
60 persone (max), potranno accedere o alle ore 19.30 o alle ore 20.45. In assenza di pioggia
si potrà godere del concerto in un’unica rappresentazione alle ore 19.30.
Per informazioni: telefono 080/8869304
email: drm-pug.castellodibari@beniculturali.it.

Con riferimento al DL 23 luglio 2021 n. 105 e alla circolare n. 40 del 27 luglio 2021 del
Segretariato Generale e alle indicazioni del Ministero della Salute, per fronteggiare
l’emergenza epidemiologica da Covid19, vengono applicate le seguenti disposizioni per i
Paesi appartenenti alle liste A e C (di cui agli elenchi scaricabili dal
sito www.viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione
Internazionale):
l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle
certificazioni verdi Covid19 Green Pass (in formato digitale o cartaceo) in
grado di attestare – unitamente ad un documento di identità in corso di validità
-:
• di aver fatto almeno una dose di vaccino tra quelli autorizzati dall’EMA ovvero dall’AIFA
(Comirnaty di Pfizer-BioNtech, Vaxzevria di Astrazeneca, Janssen di Johnson & Johnson e
Moderna)
• oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle ultime 48 ore
• oppure di essere guariti da Covid19 nei sei mesi precedenti.

La Certificazione verde COVID-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna
vaccinale (al di sotto dei 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione
medica.
Con riferimento agli ingressi dai Paesi Israele, Canada, Giappone e Stati Uniti si precisa che
in relazione alle certificazioni vaccinali emesse dalle Autorità sanitarie dei suddetti Paesi, in
accordo a quanto indicato dalla Raccomandazione UE n. 2021/912 del 20 maggio 2021, esse
dovranno riportare almeno i seguenti dati:

  • Identificativi della persona;
  • Relativi al tipo di vaccino e alla/e data/e di somministrazione.
    Si ricorda che i certificati dovranno essere accettati se in lingua italiana, inglese, francese o
    spagnola. Nel caso il certificato non fosse stato rilasciato in forma bilingue e non in una delle
    quattro lingue indicate dall’Ordinanza del ministro della salute del 18 giugno 2021, si
    ribadisce la necessità che venga accompagnato da una traduzione giurata.
    Tale documentazione andrà esibita all’accesso, contestualmente alla misurazione della
    temperatura.
    ATTENZIONE: in mancanza di Green Pass e di un documento d’identità,
    entrambe in corso validità, non sarà possibile accedere al sito e il biglietto
    acquistato non sarà rimborsato. Per maggiori informazioni www.dgc.gov.it.

Le misure anti-contagio e le modalità di visita sono consultabili al seguente link:

https://musei.puglia.beniculturali.it/wp-content/uploads/2021/05/DRM-PUG-Modalit%C3%A0-di-visita2.pdf.


L’Ufficio Comunicazione della Direzione regionale Musei Puglia.


Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*