Silent City Festival: tante famiglie alla rassegna di teatro in musica a Matera

Silent City Festival: tante famiglie alla rassegna di teatro in musica a Matera
Il Museo Ridola si è trasformato in uno scrigno di musica colta per il pubblico di domani
MATERA – Si è conclusa giovedì 29 luglio l’edizione zero di Silent City Festival, prima rassegna in
Basilicata di musica colta classica e contemporanea dedicata ai bambini e alla famiglie. Il festival,
ospitato dal 27 luglio nei giardini della sede “Domenico Ridola” del Museo Nazionale di Matera, è
stato ideato e organizzato dalla Compagnia Teatrale L’Albero, dal Basilicata Circuito Musicale e
dall’Accademia degli Stracuriosi. Il programma ha visto svolgersi passeggiate urbane, laboratori
musicali ed esperienziali, spettacoli che hanno unito tutti i linguaggi a supporto della musica:
dall’opera lirica alla danza, dalla letteratura alla tecnologia. Una varietà di proposte per bambini e
bambine di tutte le fasce d’età da 0 a 12 anni, ma anche workshop rivolti a genitori ed educatori.
Da anni la Compagnia Teatrale L’Albero si impegna, in Basilicata e in Europa, nel far scoprire a
nuovi pubblici la musica classica e l’opera lirica. Silent City Festival rappresenta un nuovo
importante passaggio nella città dei Sassi del percorso intrapreso dalle direttrici artistiche della
compagnia Vania Cauzillo e Alessandra Maltempo, grazie all’alleanza con Basilicata Circuito
Musicale e all’impegno del suo direttore artistico Saverio Vizziello.
Tutta la soddisfazione dell’organizzazione nelle parole di Vania Cauzillo: «Siamo felicissime della
risposta del pubblico. Abbiamo registrato sold out per tutti gli spettacoli, che per un target mai
sollecitato come quello dei più piccoli è un grande risultato. Aver dovuto immaginare lo spazio per
un parcheggio di passeggini, aver potuto contribuire con i bisogni delle famiglie a far vivere un
luogo pubblico come quello del museo, quasi come si vive nel Nord Europa, ci riempie di
soddisfazione. Inoltre l’idea di aver portato produzioni originali per la prima volta al pubblico (due
spettacoli sui tre in programma hanno debuttato al festival) ci inorgoglisce artisticamente.»
«Per noi – aggiunge Alessandra Maltempo – questa resta un’edizione zero, in cui abbiamo capito
che la strada è quella giusta. Da domani saremo al lavoro per l’edizione uno, che speriamo possa
coinvolgere e portare al teatro, anche negli spazi chiusi, tantissimi bambini e bambine, per alzare il
tiro e proporre degli spettacoli di opera prodotta per il pubblico dell’infanzia, oltre che far
diventare da subito il festival di natura internazionale.»
«In questi giorni del festival è arrivata la notizia che L’Albero è stato riconosciuto dal Ministero
della Cultura tra gli organismi che svolgono attività di promozione della musica nell’ambito della
coesione e dell’inclusione sociale. Questo è un riconoscimento importantissimo, perché ci dà la
possibilità di continuare la programmazione del lavoro che facciamo con l’opera e con le comunità,
che da settembre ci vedrà nel pieno di questa nuova sfida con il Ministero.»
Entusiasta anche il direttore artistico del Basilicata Circuito Musicale Saverio Vizziello: «La
collaborazione tra il circuito, L’Albero e tutti i musicisti che hanno partecipato a queste tre
giornate dedicate ai bambini e alle famiglie, è stata un grande successo. I bambini hanno bisogno
di sognare e io, da direttore del Conservatorio, ho contato tutte le nuove iscrizioni che arriveranno
nei prossimi anni. Perché fare musica a questa età è importantissimo, come ha detto Riccardo
Muti e come ha detto anche Ezio Bosso. Silent City Festival è stata davvero una bella iniziativa che
ha saputo coinvolgere tante famiglie. Se sarà possibile rientrare in presenza, speriamo in autunno
di replicare le attività anche con le scuole.»
Silent City Festival è stato reso possibile grazie all’intesa tra Compagnia Teatrale L’Albero,
Basilicata Circuito Musicale e Accademia degli Stracuriosi, con il sostegno del Comune di Matera

nell’ambito del cartellone “Estate Materana 2021”, in collaborazione con Libreria 365 Storie,
Vulcanica, Uisp Matera, Volontari Open Culture 2019, con il patrocinio del Museo Nazionale di
Matera, partner tecnici Fra i Sassi Residence e Calia Italia.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*