PISTICCI: NUOVE BANDIERE ESPOSTE AI PALAZZI COMUNALI DI P.ZZA UMBERTO E DEI CADUTI

di MICHELE SELVAGGI

PISTICCI. Le bandiere, simbolo principe di stati, regioni e comuni, ma anche di club e associazioni varie, da sempre amate e rispettate dal popolo  Da qualche giorno, nuove bandiere sono state esposte alle sedi comunali della nostra città. Una bella e piacevole novità. Hanno sostituito quelle tricolori, europee e dell’Amministrazione comunale,  ormai vecchie e logore  esposte al  primo piano del Palazzo che ospita gli uffici comunali nella piazza più importante del centro, la Umberto I° e le altre al Palazzo Giannantonio, sede istituzionale del sindaco Viviana Verri e altri uffici.   Un bel biglietto  da visita per la nostra città, visitata da sempre da turisti di tutto il mondo, di passaggio da queste parti, dove, tra l’altro, possono ammirare anche la moderna architettonica facciata della chiesa di S.Antonio e dalla piazza  che ricorda i caduti delle due guerre mondiali. I tre nuovi vessilli così esposti, fanno bella figura  nei due accoglienti spiazzi  del centro cittadino e la novità  è stata sottolineata dal gradimento di tanti cittadini pisticcesi. La cosa comunque ci riposta in mente un episodio di qualche anno fa, quando da parte di un attento cittadino italo – americano nativo della nostra città, ed emigrato negli USA tanti  anni fa, il sig. Michele Grieco che spesso ritorna a Pisticci per trascorrere l’estate con parenti e amici, ci fu un secco richiamo attraverso noi, alla Amministrazione dell’epoca per sostituire le due bandiere, quella  italiana e quella  europea, ormai vecchie e sgualcite e quindi non degne di essere  esposte nella piazza Umberto I°, il salotto della nostra città. Appello che per la verità fu subito raccolto dal sindaco dell’epoca Vito Di Trani che attraverso l’Assessore Lino Grieco, in poche ore si adoperarono  per eliminare uno sconcio  non degno del terzo centro più importante della Basilicata, facendo sostituire i due drappi ormai logori e fuori uso. Le tre nuove bandiere  appena esposte e subito ammirate, oltre che rappresentare un fatto di immagine, sono a vanto dell’Amministrazione che si è preoccupata di sostituirle e danno la giusta dignità a  due antiche   strutture istituzionali,  che hanno contribuito a fare la storia della nostra città. 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*