PISTICCI: Festa di San ROCCO 2021 in forma ridotta. Si è iniziato il 1 Agosto con sparo di mortaretti

di Michele Selvaggi

PISTICCI. Una ultrasecolare tradizione della nostra  comunità,  ci ricordava  che  quei botti di primissima  mattina del  giorno 1  agosto di ogni anno,  rammentava alla città  che era giunto il momento di affrettarsi a saldare  i debiti contratti  nel corso dell’anno appena trascorso. Una tradizione  che comunque, nonostante la perdurante emergenza virus, anche quest’ anno non è stata interrotta.  Oggi 1 agosto 2021 infatti, quei potenti botti di primissima mattina, unitamente alla banda cittadina, hanno svegliato i cittadini pisticcesi  devoti al miracoloso santo di Montpellier, in attesa di quelle che potranno essere, anche quest’anno,  le celebrazioni, sotto tono, in onore di San Rocco, da sempre programmate per il 15, 16 e 17 agosto. E’ chiaro  che anche quest’anno, e per il secondo consecutivo, l’emergenza virus non lascia scampo. Come del resto anche per altre sagre e festeggiamenti di Santi Patroni degli altri centri, non solo della nostra provincia e regione. Ma oltre  al programma religioso annunciato nei giorni scorsi dal Parroco Presidente e dal Comitato feste e valido fino al 10 agosto, ci si chiede cosa in particolare  ci potranno offrire  quei giorni dedicati a San Rocco, all’Assunta e a San Vito ? Ancora non è dato saperlo, ma è comunque auspicabile che, nonostante  le immancabili difficoltà del momento,  all’evento, venga data una  parvenza festiva, magari con una modesta illuminazione nei punti principali della città,  con il  chiassoso e sempre piacevole suono  della banda musicale e perché no, di  qualche fuoco pirotecnico  serale e notturno. Tutte cose che  comunque, ebbene dirlo, per essere realizzate,  hanno un costo; un costo  a cui  la popolazione devota di Pisticci, non può sottrarsi,  contribuendo nel modo possibile per far bella anche se in tono minore, una festività che, nonostante  le circostanze, il nostro  Patrono San Rocco merita. Eccome! Anche quest’anno quindi, la nostra comunità è chiamata  ad un’ altra  sfida forte e difficile a cui  occorre rispondere con grande impegno e senso di responsabilità, senza mai dimenticare però, quelli che sono i doveri  legati  alla ottemperanza  delle norme sanitarie in vigore. E’ comunque necessario  l’impegno di tutti e  in tutti i sensi. Il resto lo farà San Rocco.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*