Quale futuro per la Regione Basilicata?

Spett.Le Presidente della Provincia di Matera
Avv.Piero Marrese
Spett.Le Sindaco di Matera
Dott. Domenico Bennardi
Ai Sindaci della provincia di Matera
e. p. c Presidente ANCI Basilicata
Avv. Andrea Bernardo

Gent.mi colleghi Amministratori,
Questi tempi così incerti impongono una riflessione sul futuro del nostro territorio.

Incastrati nella quotidianità delle nostre comunità, a volte, risulta difficile disegnare un orizzon-
te temporale più lungo che ci permetta di immaginare il domani della Basilicata.

Una domanda sorge spontanea: Quale futuro per la Regione Basilicata?
Il processo partecipativo dell’ultima grande esperienza di questo territorio, quale Matera2019, è
stato arrestato dalla pandemia da Covid-19, la quale ha messo in risalto tutte le debolezze del
nostro sistema amministrativo, gestionale e sanitario.
Non possiamo più aspettare.
Urge un momento di confronto tra gli attori politici e decisionali della Provincia di Matera per
ridisegnare le sorti di un territorio che si appresta alla desertificazione sociale e culturale.
Chiedo l’autorevolezza di programmare, senza velleità o eccessiva formalità, un piano di lavoro

che possa permetterci di realizzare UN PIANO STRATEGICO per i Comuni della Provincia di Ma-
tera.

Uno strumento visionario che ci consentirebbe di avere un comune indirizzo politico per costrui-
re un nuovo futuro, adeguatamente basato alle nuove esigenze sociali e lavorative del nostro

territorio, costruito con passione e competenza, che trovi piena attuazione nel piano di ripresa e
resilienza, e con al centro il tema delle politiche giovanili.

Abbiamo una responsabilità sociale a cui non possiamo sottrarci. La Basilicata non può più at-
tendere. I giovani non possono attendere oltre.

In attesa di una Vostra convocazione, sin da ora metto a disposizione tutto il mio tempo e la mia
competenza per aiutarvi in questo percorso.
Sperando di aver fatto cosa gradita, vi auguro buon lavoro e porgo i miei più sinceri saluti.
Ass.Dott.Giulio Traietta

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*