Gaudianello, lavoratori in stato di agitazione

Lunedì 12 luglio assemblea straordinaria

Flai Cgil, Fai Cisl, Uila Uil di Basilicata e le Rsu dello stabilimento lucano di Toka/Gaudianello esprimono forti preoccupazioni per le condizioni di lavoro e salariale dei dipendenti, attualmente in stato di agitazione. L’azienda ha infatti dichiarato un esubero di circa 30 unità su 93, nonostante la carenza di organico già riscontrata e denunciata dalle organizzazioni sindacali, specie in questo periodo dell’anno in cui il consumo dell’acqua minerale aumenta notevolmente. Una situazione paradossale se si pensa che mentre negli stabilimenti dei altre regioni d’Italia l’azienda stia addirittura assumendo lavoratori stagionali, in Basilicata non vengano concessi permessi per effettuare i vaccini.

A preoccupare sono anche le scarse condizioni di sicurezza in cui i lavoratori si trovano ad operare, dalla tenuta di alcune linee dell’impianto fino alla manutenzione delle strade di accesso e alla riduzione del servizio di pulizie. Dal punto di vista del salario, sistematicamente le domanda per la Cigo Covid viene presentata dall’azienda con quasi un mese di ritardo, con conseguenti riduzioni in busta paga. Anche dal punto di vista dell’organizzazione del lavoro, tenuto conto lo stato di agitazione che ha determinato il blocco degli straordinari e di ogni forma di flessibilità, i lavoratori hanno chiesto di svolgere orari come da ordinaria turnazione, istanza non accolta dall’azienda. Il tutto in una situazione di assoluto abbandono da parte del direttore di stabilimento, quasi sempre fuori sede. 

Pertanto, con l’obiettivo di trovare una soluzione ed eventualmente intraprendere altre azioni di lotta, i lavoratori si riuniranno in assemblea straordinaria lunedì 12 luglio dalle 13:30 alle 14:30 nello stabilimento di Melfi.

Segretari

              Flai Cgil                                  Fai Cisl                                Uila Uil

       Esposito – Andreulli                  Cavallo – Lapadula                   Nardiello – Arl

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*