Regionale 8, la Regione Puglia mantenga gli impegni

COORDINAMENTO PROVINCIALE DI TARANTO

La vicenda della Regionale 8 sta assumendo risvolti preoccupanti su cui è necessario che la Regione faccia immediatamente chiarezza.

Già qualche mese fa avevamo espresso serie preoccupazioni in merito al rischio concreto che la Regione Puglia non reintegrasse i 70 milioni distratti dal finanziamento dell’opera con la delibera n. 1603/2020 e che addirittura potessero essere disimpegnate tutte le risorse stanziate per il completamento dell’opera. 

E’ di ieri la notizia, altrettanto preoccupante, che il Comitato VIA della Regione Puglia ha concluso con esito sfavorevole l’esame della documentazione presentata dalla Provincia di Taranto. 

Secondo i tecnici regionali la soluzione proposta non risulterebbe dare risposte efficaci alla riduzione della incidentalità, nonché soluzioni efficaci in termini di sostenibilità ambientale e paesaggistica e, a fronte delle scelte effettuate, comporterebbe effetti significativi e negativi sull’ambiente.

Esprimiamo perplessità rispetto ad una decisione che pare mettere ancora una volta in discussione un’opera attesa da 40 anni, indispensabile per snellire il traffico sulla litoranea e per permettere collegamenti più facili e veloci tra il porto e il Salento. 

Ci attiveremo in tutte le sedi affinché la Regione mantenga gli impegni presi e il territorio della provincia di Taranto non subisca questo ennesimo ed inaccettabile scippo. Saremo al fianco di chiunque si batta affinché ci sia certezza sui tempi di completamento di questa opera fondamentale per la nostra provincia. 

Taranto è in credito con il Paese e merita ora risposte certe e immediate. 

Dott. Vito De Palma                                                                                  Avv. Massimiliano Di Cuia

Commissario Provinciale FI TA                                                       Vice Commissario Vicario FI TA

Taranto-Avetrana a rischio? Sono pronto ad oppormi»: parla presidente  provincia Gugliotti - La Gazzetta del Mezzogiorno

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*