ANCHE PER GLI SPORTIVI PISTICCESI TORNANO LE NOTTI MAGICHE DEL CALCIO AZZURRO

Il calcio  batte il Covid e si torna a  sognare come jn  quel lontano 1968  a Roma e i non meno lontani 1982 a Madrid e 2006 a Berlino. Dopo una lunga penosa assenza, la gente finalmente è tornata allo stadio e sembra quasi  un sogno averla rivista tifare, protestare e gioire   sugli spalti dell’Olimpico  nella gara d’esordio contro la squadra turca. E’ solo un assaggio, ma servono altre sei notti così per arrivare al Wembley di Londra. Intanto godiamoci questo bellissimo e meritato 3-0, che ci dà fiducia, dopo aver assistito ad una  indimenticabile cerimonia di apertura. Totti e Nesta che danno il calcio di inizio ideale, Bocelli che vibra  sulle note di “Nessun dorma”,  straordinari fuochi pirotecnici  che esplodono come tutti i nostri cuori pieni di felicità   in uno stadio Olimpico, con tanti tifosi e  di un colore turchese, il colore dell’Europeo 2020 che si gioca nel 2021, ma resta sempre Europeo 2020. E’ quasi un ritorno alla normalità dopo i  tristi, dolorosi e tragici mesi contrassegnati da una terribile pandemia. Ma il vero  ritorno alla normalità, ce lo dà il rumore del gol  firmato Immobile e Insigne, ma anche la sfortunata autorete di Demiral, che ci ha fatto comunque fare festa ed anche  rumore  con la mascherina.  Una data importante per tutti, sportivi e non, quella del 10 giugno 2021. Una data che ci ha restituito colori, luci, danze e soprattutto fiducia, tanta, tanta fiducia,  in una serata  bene augurante per tutto quello che verrà, sottolineata dalla calda e forte voce di Andrea Bocelli  col  suo commovente:  “ Vincerò. All’alba vincerò”. Tifosi  della nostra città e di tutto il territorio pisticcese, ricordiamoci di quelle indimenticabili serate di giugno e luglio 1982 e le altre della estate magica del 2006, e perché no,  anche di quelle un po’ meno fortunate di   Italia 90. Tutte da noi onorate, come si deve e oltre. Abbiamo atteso troppo anche noi, ma la voglia di una “grande Italia” è veramente tanta. Forza azzurri. il bello deve ancora venire ! 

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*