Ennesima morte sul lavoro, vittima 58enne originario di Maratea

Summa: “Continua la strage senza che il governo assuma atti concreti”

“Si continua a morire senza che il governo assuma atti concreti. Oggi l’ennesima vittima a Ostia, dove ha perso la vita a seguito di un infortunio un lavoratore di 58 anni originario di Maratea, alla cui famiglia va il cordoglio della Cgil”. Così in una nota il segretario generale Cgil Basilicata, Angelo Summa. “Lo abbiamo già detto e lo ribadiamo: servono investimenti sulla prevenzione e sulla sicurezza, il governo centrale e le Regioni – continua Summa – si facciano carico di questa emergenza sociale che richiede interventi immediati. 

È necessario prevedere risorse per l’assunzione di nuovi ispettori del lavoro e di tecnici della sicurezza – afferma il segretario – ma è anche necessario rivedere con urgenza quanto previsto dal dl Semplificazioni rispetto alle norme che regolano gli appalti: le continue morti sul lavoro sono la dimostrazione tangibile di come a pagare la crisi siano ancora esclusivamente i lavoratori e le lavoratrici, la cui salute e i cui diritti vengono svenduti a vantaggio delle sole logiche del profitto”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*