LA REGIONE BASILICATA FESTEGGIA I SUOI 50 ANNI DI VITA. RICORDIAMO LA FIGURA DEL SUO PRESIDENTE PISTICCESE NINO MICHETTI

PISTICCI. Sono i giorni delle “nozze d’oro” della Regione di Basilicata, con la celebrazione di un percorso politico e sociale di questi primi 50 anni di una regione che è cresciuta attraverso la costante crescita istituzionale grazie all’impegno dei suoi uomini politici, amministratori e cittadini tutti. E’ l’occasione per ricordare, tra i Presidenti Governatori della G.R. che l’hanno guidata, un uomo della nostra terra, scomparso prematuramente, quella sera del 12 agosto 1998. Parliamo di Nino Michetti, uomo, educatore, politico, Amministratore e sportivo a cui, vogliamo rendere un doveroso  tributo e apprezzamento per l’impegno che ha contraddistinto la sua attività, lasciando le sue tracce in tutti i campi dove ha operato nei sui  55 anni di vita. Nato a Pisticci il 21 aprile 44 si era laureato in Filosofia all’Ateneo di Bari. Giovanissimo si dedicò alla politica militando della D.C. dove fu eletto prima consigliere comunale e poi sindaco di Pisticci (80 -85)  rivestendo  anche la carica di Segretario Provinciale DC. Eletto consigliere regionale nell’ 85, ricevette il prestigioso incarico di Presidente la Giunta Regionale di Basilicata che mantenne fino al 1990. Segretario Regionale della DC e Assessore all’ Agricoltura,  restò in carica fino alla primavera del 92, quando, dopo una corsa  al Senato, fallita per un soffio, decise di  abbandonare la vita politica  dedicandosi completamente alla scuola, il suo primo amore. Nominato preside di Istituti Superiori di Montalbano e Nova Siri e poi Preside del Liceo  “G. Fortunato” di Pisticci e Alberghiero di Marconia, carica da ricoprire da quel prossimo I° settembre 98. Pisticci lo ricorda anche come appassionato sportivo, gran conoscitore di calcio e tifoso del Milan. A lui è legato il periodo più prestigioso della storia calcistica della città, con il Pisticci in Interregionale a far bella figura sui campi di mezza Italia. Ma gli sportivi non possono non ricordarlo anche come il sindaco che promise pubblicamente e riusci a portare per la prima volta il Giro d’Italia a Pisticci nel 1984. “Un politico importante che qui non è stato mai dimenticato  –  come recentemente ricordava l’ex sindaco Giovanni D’Onofrio, suo fraterno amico  che, tra l’altro, sottolineava – il suo fattivo impegno per la realizzazione della Galleria San Rocco di Pisticci, una opera principe  che dal punto di vista sociale – economica, ha rappresentato grande vantaggio per la nostra comunità”.  Ma noi vogliamo ricordarlo anche come amministratore che riusci a gestire in modo esemplare anche nel segno del rigore e della efficienza, ma anche per uno stile di governo attento ed equilibrato, il dopo terremoto del novembre 80. Un personaggio anche legato alle questioni che riguardavano lo sviluppo del territorio e tra i principali protagonisti dell’accordo di programma per la reindustrializzazione della Valbasento dell’87. “Un protagonista e testimone della buona politica, rispettato anche dai suoi avversari, che ha dato tanto , ma che forse, non ha ricevuto quello che avrebbe dovuto ricevere”, come ricordava qualche tempo fa, il suo avversario politico Filippo Bubbico. “Un politico acuto, di autorevolezza vigilata – come invece recentemente ricordava Vincenzo Viti, uno degli ultimi a vedere Michetti prima di morire (erano stati insieme  a Ginosa Marina fino a qualche ora prima)  –  sensibile al richiamo delle discipline storiche e filosofiche che seppe trasfondere nella sua missione di docente, ma anche la sua straordinaria umanità, emersa nella sua sensibilità di amministratore pubblico, ma anche il suo impegno  politico e amministrativo vissuto con intelligenza,  visione strategica e perizia amministrativa, segnando con il suo arrivo di “materano” alla  Presidenza della Giunta Regionale, un’ autentica  novità; legislatura  ricordata tra le più solide ed efficaci della storia amministrativa regionale”. Con Nino Michetti, vogliamo rendere omaggio anche altri personaggi politici della nostra città, eletti alla Regione Basilicata, come Nicola Cataldo ( eletto nel 75 ma dimissionario per incompatibilità con lo scanno parlamentare ), Domenico Giannace  ( consigliere regionale dal giugno 1980 al  maggio 1985), Rocco Grieco ( Consigliere regionale dal 75 all’85 e Assessore Regionale dall’83 all’85), Francesco Malvasi ( Consigliere Regionale dal  settembre 1996 al giugno 2000) e Nicola Benedetto Assessore Regionale alle Infrastrutture nella Giunta Pittella. A tutti loro il riconoscimento per l’impegno profuso sempre e in ogni campo a favore della nostra Regione Basilicata, nel 50° anniversario  della sua attività.

MICHELE SELVAGGI 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*