CESTARI (ITALAFRICA): OLTRE CHE DI VACCINI ANTI COVID L’AFRICA HA BISOGNO DI VACCINI CONTRO L’EMERGENZA SOCIO-ECONOMICA

“Finalmente l’Europa apre gli occhi sull’Africa e lo fa sull’emergenza pandemica che nel continente africano è fortemente segnata dall’assenza di vaccini, a riprova del gap che riguarda le condizioni di salute dei popoli nel Mondo, per allargare lo sguardo all’emergenza economica e sociale”. E’ il commento del presidente della Camera ItalAfrica Alfredo Cestari al vertice di Parigi dedicato alla situazione africana. “Un’occasione che, al di là dei buoni propositi ascoltati da tutti i Premier, Capi di Stato e rappresentanti dell’Ue – aggiunge –  ci auguriamo, si traduca in azioni concrete per riavviare, su basi nuove, la cooperazione tra Europa e Africa, a partire dagli aiuti  sanitari per estendersi ai progetti e programmi di sviluppo. Oggi più che mai l’Africa insieme ai vaccini anti Covid 19 ha bisogno di altri “vaccini” contro la crisi economia, vaccini che si chiamano solidarietà e cooperazione. Per questo – continua Cestari – accanto all’obiettivo di vaccinare entro quest’anno in Africa il 40% della popolazione, noi poniamo quello di rilanciare le attività produttive, lo scambio commerciale, i programmi che coinvolgono l’imprenditoria italiana ed europea. La riapertura delle frontiere attraverso la ripresa dei voli internazionali ed intercontinentali, condizione fondamentale per tornare a connettere Europa ed Africa e quindi  un passaggio necessario per riprendere la cooperazione con i Paesi degli altri continenti, deve coincidere con la riaccensione dei motori delle attività di cooperazione programmate, a partire dall’impegno Ue degli anni passati di investire in Africa 100 miliardi per aggiornarne gli effetti sul piano economico e sociale a seguito della pandemia. La Camera di commercio – dice ancora il presidente – sta attivando tutti i canali indispensabili per avviare un tavolo di confronto con questi Paesi che veda protagoniste le imprese del Sud d’Italia con il sostegno e il coordinamento dei  ministeri del sud, dello sviluppo economico, del turismo e degli esteri. Abbiamo in proposito salutato positivamente il recente protocollo di intesa tra Ministeri Esteri e Sud che rilancia la rete delle Ambasciate con il ruolo di rafforzare la promozione del “made in Italy” nel mondo. Il nostro obiettivo è quello di orientare una cospicua fetta dei 100 miliardi per la cooperazione rafforzata tra Unione Europea e Africa verso i rapporti tra il Mezzogiorno d’Italia e i paesi dell’Africa centrale. Abbiamo deciso di intervenire – prosegue il numero uno della Camera di commercio ItalAfrica – guardando al sud del mondo affinché si mettano sul tavolo risorse economiche, competenze e sinergie per creare nuove opportunità di sviluppo e investimento per le aziende italiane in grado di creare valore sull’altra sponda del Mediterraneo in particolare nei settori della mobilità aerea, la siderurgia, l’energia, il turismo con reciproci vantaggi».

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*