MISSIONI PNRR PER IL SUD: CESTARI (ITALAFRICA), VERSO UNA SVOLTA EPOCALE

Le missioni che il Governo Monti ha individuato  nel Pnrr – Piano nazionale di ripresa e resilienza – a favore del Sud, in particolare per realizzare un “Sud che attrae investimenti” e un “Sud più connesso e collegato”, confermano la volontà di avviare una svolta epocale a cui il mondo imprenditoriale italiano ed estero guardano con rinnovato interesse per scrollarsi di dosso l’immagine di un Sud ancora troppo poco attrattivo e soprattutto scollegato al resto del mondo. E’ il commento di Alfredo Cestari (ItalAfrica) sottolineando che oltre a collegare e connettere il Sud realizzando quelle infrastrutture indispensabili per i collegamenti portuali, aeroportuali, stradali e ferroviari, il Pnrr punta a far diventare il Mezzogiorno un’area attrattiva di investimenti. Per farlo si delinea la riforma delle Zes (Zone economiche speciali), si punta su ecosistemi dell’innovazione e sull’hub energetico del Mediterraneo, tutti obiettivi per i quali – aggiunge – vogliamo continuare a dare il nostro contributo mettendo insieme player come medie imprese italiane e straniere, Camere di Commercio dei Paesi esteri.

Dopo l’evento “SUD – Progetti per ripartire” promosso dal Ministro per il Sud Mara Carfagna siamo dunque entrati dall’enunciazione dei principi che abbiamo condiviso all’attuazione dei programmi. Il Mezzogiorno ha una grande opportunità davanti a sé. Per coglierla, come ripete da tempo il Ministro Carfagna, mai come oggi c’è bisogno di un impegno comune e condiviso, che coinvolga istituzioni nazionali e locali, parti sociali, soggetti singoli e associati del mondo della cultura, dell’impresa, della formazione e della ricerca, della sanità, di quello ambientalista come delle discipline scientifiche e tecnologiche. E’ quello che intendiamo fare a livello internazionale, per il nostro ruolo specifico, attraverso il Progetto “Sud Polo Magnetico” con l’obiettivo di promuovere localizzazioni ed investimenti dall’estero nelle regioni meridionali. In questa nuova sfida, di portata epocale per il nostro sistema economico-produttivo, Sud Polo Magnetico – evidenzia il presidente ItalAfrica – cerca di rappresentare un punto di riferimento per il mondo delle imprese e delle professioni operanti nel Sud del Paese mettendo a disposizione esperienze più che trentennali di imprenditori e professionisti che hanno garantito con passione civile e coscienza sociale la loro adesione a questo progetto. Per le Zes del Sud – conclude – abbiamo messo a disposizione le nostre proposte e i nostri progetti allo scopo di favorire nuovi investimenti e programmi di cooperazione internazionale.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*