Cariello: “Rinnovo convenzione Don Gnocchi di Tricarico una buona notizia per i lucani”

La Giunta Regionale della Basilicata ha approvato stamane il rinnovo della convenzione con la Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus per la gestione delle attività riabilitative e della RSA presso il PO di Tricarico per altri 5 mesi. La questione in questi mesi è stata seguita con attenzione da parte della Lega, tant’è che nella seduta del Consiglio Regionale del 16 febbraio 2021 ho presentato una mozione per chiedere “di mettere in campo con sollecitudine ogni azione necessaria finalizzata al mantenimento e prosieguo del rapporto in convenzione con la succitata struttura medico-riabilitativa”. La fondazione Don Gnocchi è presente in Basilicata dal 2005 con due strutture, una a Tricarico (MT), il “Polo specialistico Riabilitativo”, e l’altra ad Acerenza (PZ), “Centro Don M. Gala”, e vede coinvolti circa 170 operatori, quasi tutti residenti in Basilicata.

La Fondazione, in collaborazione con tutte le altre strutture sanitarie lucane di riferimento, ricopre un ruolo fondamentale e strategico nell’attività medico-assistenziale sul territorio, specie nel settore riabilitativo stante la datata esperienza e l’alta qualificazione scientifica, costituendo un presidio cruciale nella risposta alla domanda sanitaria che la popolazione lucana ordinariamente esprime. Lo stato di emergenza sanitaria causato dall’epidemia da nuovo Coronavirus, in conseguenza alla dichiarazione dell’OMS dello stato di emergenza della sanità pubblica di interesse internazionale, ha finanche acutizzato la richiesta generale di assistenza rivolta al Sistema Sanitario regionale. La notizia del rinnovo della convenzione è una buona notizia e rassicura i tanti che possono continuare ad avvalersi delle prestazioni offerte dal centro, che rappresenta un polo importante per la cura dei lucani e non solo, e assicura una continuità lavorativa anche ai tanti operatori impegnati nella fondazione in Basilicata.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*