Presunte dimissioni DG ASP, Fratelli d’Italia Regione Basilicata: Bochicchio resti al suo posto, sta operando bene.

“Nell’attuale fase di emergenza legata alla recrudescenza della Pandemia da Covid 19, le voci relative alle presunte dimissioni del direttore Generale dell’ASP Bochicchio rischiano di alimentare un clima di incertezza e di tensione che mal si addice ai gravosi compiti che l’Azienda Sanitaria potentina è chiamata a svolgere. Esprimiamo quindi piena solidarietà al Dott. Bochicchio che, siamo certi, saprà proseguire al meglio il lavoro intrapreso, senza farsi distrarre dall’ingeneroso chiacchiericcio di cui è stato vittima in questi giorni”.

E’ quanto affermano, in una nota, i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia Giovanni Vizziello, Vincenzo Baldassarre, Piergiorgio Quarto e Tommaso Coviello.

“Al di là delle oggettive difficoltà della campagna vaccinale legate all’approvvigionamento della materia prima, vale a dire i vaccini,” -spiegano i componenti del Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia Regione Basilicata- “la nostra regione prosegue il percorso di immunizzazione dei cittadini, secondo i target stabiliti dal piano vaccinale, grazie all’impegno profuso dal personale sanitario regionale e dal management delle aziende sanitarie, cui rivolgiamo la nostra stima e il nostro apprezzamento”.

“Nell’espletare il compito assegnatogli da diversi mesi” -proseguono Vizziello, Baldassarre, Quarto e Coviello-“il Direttore Bochicchio ha dimostrato competenza, impegno e collaborazione, condividendo in modo costruttivo gli obiettivi di salute che orientano l’azione del nostro sistema sanitario regionale.”

“E’proprio la collaborazione tra la componente politica delle amministrazioni e quella dirigenziale”- concludono gli esponenti di Fratelli d’Italia- “la chiave di volta dell’efficacia di un sistema sanitario, un elemento che senza dubbio caratterizza le politiche sanitarie della nostra regione e che ci consentirà di dare risposte sempre più appropriate ai bisogni di salute dei nostri cittadini”. 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*