LE PROPOSTE CIA-AGRICOLTORI PER SCORRIMENTO GRADUATORIA NUOVE AZIENDE GIOVANI

Per consentire lo scorrimento della terza graduatoria del Bando sottomisura 6.1 “Incentivi per la costituzione di nuove aziende agricole da parte di giovani agricoltori” del PSR 2014-2020 (FEASR) la CIA-Agricoltori di Potenza e Matera ribadiscono la propria posizione: e’ indispensabile in questa fase individuare soluzioni praticabili e concrete a partire dalla copertura finanziaria di tale misura che riguarda circa 90 giovani.     La CIA – che ha tenuto un incontro (in videoconferenza) in collaborazione con Agia, Donne in Campo, Aiel al quale hanno partecipato in collegamento una cinquantina di giovani di varie zone della regione – rinnova la disponibilità a dare il proprio contributo al Dipartimento Agricoltura per individuare idonee soluzioni  che possano realisticamente garantire i circa 6 milioni di euro necessari a coprire il necessario fabbisogno finanziario. Stasi e Lorusso, presidenti CIA di Matera e Potenza, sottolineano che spetta alla Regione e nello specifico all’ Assessore Fanelli individuare le necessarie risorse che possono essere reperite sia rimodulando misure del programma 14/20 poco performanti  sia attraverso nuove assegnazioni del Reg 2220 Transitorio 2021/22.     In ogni caso CIA ribadisce che e’ il momento delle scelte e per CIA sostenere prioritariamente i giovani è prioritario anche a scapito di altre misure pure meritevoli di attenzione. Questo per il semplice fatto che prestare attenzione ai giovani significa investire nel futuro oltre ad essere la miglior risposta per qualificare la spesa e dare ancora più efficacia alla programmazione del settore agricolo nella nostra Regione. In proposito è stato evidenziato che su circa 150 domande posizionate in graduatoria con 75 punti ne sono state finanziate solo 60 perché i criteri prevedono che, in caso di parità di punteggio, sia finanziato il più giovane d’età. Un meccanismo che i giovani e i dirigenti delle organizzazioni del sistema Cia respingono e considerano penalizzante e del tutto incomprensibile. Si tratta – è stato ribadito – di istanze tutte coerenti con i requisiti del Regolamento 2220/20 transitorio che se non saranno finanziate resteranno definitivamente fuori con una forte esposizione finanziaria in quanto i giovani imprenditori hanno proceduto a proprie spese a realizzare gli investimenti in base al piano aziendale. Su queste basi CIA invita Assessore e Dipartimento Agricoltura a procedere sia allo scorrimento delle graduatorie che a predisporre il nuovo bando. 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*