GINO DE CANIO RICORDA ANTONIO CONTE SUO SECONDO A SIENA E ROBERTO D’AVERSA SUO ATLETA ORA MISTER AL PARMA

di Michele Selvaggi

Un mix di amarcord e nostalgia dei tempi calcistici che furono. E che fa sempre bene non dimenticarli. Abbiamo appena letto una interessante intervista su uno dei quotidiani sportivi  nazionali, a Gino De Canio  l’allenatore  del Savoia, Siena, Udinese, Pescara, Modena, Napoli, Genoa, Lecce ed altre squadre anche straniere, che verso la fine degli anni 80, chiamato dal  prof. Nino Michetti, giocò e mosse le prima esperienze di allenatore, proprio nella nostra città, regalandoci indimenticabili  e mai ripetuti momenti  esaltanti per la squadra gialloblù.  Forse tanti non sanno che De Canio, quando allenò il Siena, a fargli da vice, era Antonio Conte ( attuale allenatore dell’Inter) nella sua prima avventura professionistica dopo aver appeso le scarpe al chiodo. “ Ho voluto io Conte a Siena – spiega – Mi stuzzicava la idea  come collaboratore, un uomo che fosse stato alla Juventus sotto la guida di grandi allenatori  e con una notevole esperienza internazionale. Venne con entusiasmo dando un contributo di rilievo. Tra gli insostituibili in campo quell’anno, Roberto D’Aversa, l’attuale allenato del  Parma – che guarda caso, questa sera incontra proprio Conte – Seguo pure d’Aversa con affetto e simpatia. So che contraccambia la stima, da calciatore rispondeva sempre in modo propositivo alle nostre richieste”. Su Conte, una valutazione particolare: “ Zero dubbi, Conte è un mister nato, un animale da campo, maniacale nei dettagli  Già allora aveva idee chiarissime e traspariva la sua determinazione, Capii subito che la sua voglia di lavorare lo avrebbe portato lontano. Con D’Aversa parlavamo  tanto di tattica e si vedeva  fosse strutturato per questo lavoro. Essere allenatore  è un dono – continua De Canio – Uno lo è, o non lo è , Il vero tecnico lo capisci da solo, maturando  attraverso le esperienze  che vive. Per essere allenatori bisogna essere competenti a 360 gradi. Un mister è una guida non solo per i giocatori e deve possedere capacità  e competenze per interagire  con  ogni figura professionale all’interno del club. E’ la sintesi del tutto. Conte e D’Aversa sono stati sempre molto determinati ed entrambi si sono fatti da solo. Questa sera  si sfideranno sul campo del Tardini  e sulla carta  i nerazzurri  sono favoriti, ma il calcio è bello proprio perché spesso accade l’imponderabile.  Non posso dire “vinca il migliore”  perché sembrerebbe che parteggiassi per l’Inter, dato che la squadra milanese è più forte del Parma. Perciò auguro a Conte e a D’Aversa di raggiungere gli obiettivi preposti”. Era un piacere vederlo giocare. Fu un piacere ammirarlo come  allenatore. Gino De Canio, che non perde mai occasione per ricordare la sua bella esperienza pisticcese, ( perché lo ha lanciato e fatto conoscere ) è sempre nel cuore degli sportivi della nostra città.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*