POMARICO. BASTA MORTI SULLA SS.7 – APPELLO DEL SINDACO MANCINI

POMARICO. “ Basta morti  sulla Statale 7” . E’ il grido di allarme del Sindaco di Pomarico Francesco Mancini –  dopo l’ennesimo tragico incidente di giorni fa, che è costato la vita ad una ragazza di Policoro.  “Quante vite dobbiamo piangere ancora per dare la giusta importanza ad una arteria  come la SS.7 .  Ieri  (3 giorni orsono)  –  spiega il primo cittadino attraverso una nota – è toccato ad una donna di 45 anni  di Policoro, perdere la vita su una strada  dal traffico ormai insostenibile, La nostra – ha aggiunto – è una battaglia per evitare anche questo tipo di tragedie. Sulla “SS.7” ormai , si registrano 16 mila passaggi giornalieri , ed è evidente che non è più sostenibile un traffico  del genere su una strada concepita  moltissimi decenni fa. Sicurezza, sviluppo, opportunità, tutto in 25 miseri chilometri  che questo territorio merita di avere. Non stiamo chiedendo grandi opere  futuristiche, ma solo quello che dovrebbe essere la normalità per una Regione che ancora oggi dà tanto alla nostra amata nazione, Qualcuno – si legge ancora nella nota – dovrà prima o poi spiegarci  questa ostilità  nel prendere in considerazione  una esigenza che l’intero territorio sta reclamando da anni., Qualcuno, prima o poi dovrà giustificare  come mai questo territorio non ha le stesse opportunità che hanno le città a vocazione turistica come Matera. Qualcuno – continua l’appassionato lamento di Mancini – dovrà giustificare perché non si è permesso  alcuno sviluppo economico industriale al territorio per mancanza di arterie di collegamento con il resto del mondo. Qualcuno, prima o poi, dovrà giustificare queste morti assurde ed evitabili , se solo si fossero create infrastrutture  degne di tale nome”. Come è noto Mancini,  che oltre ad essere sindaco di Pomarico è anche Consigliere Provinciale, da doversi anni – il nostro foglio ha date sempre risalto – si batte per il raddoppio della Ferrandina – Matera, promuovendo incontri a livello regionale, provinciale e comunale , non solo nella sede del comune che amministra, ma anche presso la struttura di via Ridola a Matera. Finora però, i risultati non si sono visti. Intanto, si continua ad assistere  a  gravi incidenti ed a contare morti su quell’arteria.

MICHELE SELVAGGI  

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*