Covid-19, Giordano (Ugl):”Scuole, si ignora la realtà e la grave situazione”.

“Il dato è molto semplice, in queste settimane per la scuola nulla è cambiato e, nel momento in cui i contagi segnano un’ulteriore ripresa, c’è ancora chi, ignorando la realtà delle cose e della situazione, continua a pensare di poter riprendere la didattica in presenza.  Sia­mo ben con­sci del ruo­lo importantissimo che ha e deve ave­re la didattica in pre­sen­za, del­l’importanza del­la so­cia­li­tà e del­l’in­clu­sio­ne. Ma non po­ten­do­si met­te­re a ri­schio la sa­lu­te, la DAD ri­sul­ta es­se­re il solo mez­zo per ga­ran­ti­re in emer­gen­za il di­rit­to allo stu­dio. Se le scuo­le re­ste­ran­no aper­te, per l’U­gl non è dif­fi­ci­le ipo­tiz­za­re che un gran nu­me­ro di as­sen­ze del per­so­na­le e de­gli alun­ni, po­tran­no pa­ra­liz­zar­ne l’at­ti­vi­tà e de­ter­mi­na­re un ul­te­rio­re au­men­to del­la mo­bi­li­tà per la so­sti­tu­zio­ne dei do­cen­ti as­sen­ti e pa­ra­li­si del­le at­ti­vi­tà per­ché le clas­si ri­sul­te­ran­no de­ci­ma­te. A que­ste con­se­guen­ze ne­ga­ti­ve, si ag­giun­ge­rà il ri­schio da con­ta­gio sem­pre più ele­va­to. Dob­bia­mo evi­ta­re che que­sto ac­ca­da, che vada in cri­si, come in par­te sta già fa­cen­do, il no­stro Si­ste­ma Sa­ni­ta­rio. Sap­pia­mo tut­ti che i ra­gaz­zi pos­so­no ave­re un ruo­lo de­ter­mi­nan­te nel con­te­ni­men­to del nuo­vo Co­ro­na­vi­rus. Ed è in loro che con­fi­dia­mo. Quin­di che il Pre­si­den­te Bar­di di­spon­ga nuovamente la so­spen­sio­ne del­l’at­ti­vi­tà in pre­sen­za nel­le scuo­le di ogni or­di­ne e gra­do del­la provincia di Matera e che in attesa, il nuovo Mi­ni­stro metta urgentemente mani alle gra­vis­si­me ina­dem­pien­ze e ai gran­di pa­stic­ci che la sua predecessora ha com­bi­na­to!

E’ quanto ha riferito in video call il Segretario Provinciale dell’Ugl Matera Pino Giordano al  Segretario  della Federazione Nazionale Ugl Scuola, Ornella Cuzzupi informandola dopo i numerosi casi positivi al Coronavirus delle ultime ore con 23 alunni delle scuole di Policoro e altri nella provincia di Matera.

“Molti dei contagi riguardano giovani e giovanissimi frequentanti le scuole secondarie di primo livello. Il momento è davvero molto delicato. Tale circostanza – ha aggiunto Giordano – per l’Ugl Matera rende ancor più evidente l’importanza di evitare il più possibile gli incontri e gli assembramenti, nelle scuole, anche tra amici e parenti, in luogo aperto o chiuso. Tanto è valido anche e soprattutto non solo negli Istituti ma per tutti i più giovani che, troppo spesso, si incontrano e condividono del tempo insieme, senza mascherina e senza rispettare la distanza minima di sicurezza. Al fine di contrastare la pandemia è fondamentale limitare al massimo le possibilità di contagio, cercando di preservare maggiormente i nostri anziani e i soggetti più deboli. Sarebbe comune auspicio di tutti noi poter rientrare nelle vive e ridenti classi, popolate da alunni e docenti in maniera sentita e naturale, se la situazione lo permettesse. Ma, al momento, sono troppe le ombre e le incognite rappresentate dal rischio di un consistente aumento di contagi, un elemento, quest’ultimo che potrebbe rappresentare un’imponderabile accelerata di contagi deleteria per la vita di tanti e per le prospettive della Provincia. I nu­me­ri dei casi di po­si­ti­vi­tà a Co­vid-19 come nei paesi del metapontino come nel Materano au­men­ta­no in ma­nie­ra im­por­tan­te. Sem­pre più nu­me­ro­se sono le clas­si in iso­la­men­to e le fa­mi­glie in qua­ran­te­na. Tan­tis­si­mi ora gli stu­den­ti po­si­ti­vi e in iso­la­men­to do­mi­ci­lia­re, così come do­cen­ti e per­so­na­le sco­la­sti­co. No­no­stan­te il gran­de sen­so di re­spon­sa­bi­li­tà mo­stra­to da Di­ri­gen­ti Sco­la­sti­ci, stu­den­ti e per­so­na­le tut­to, il di­stan­zia­men­to com­ple­to a scuo­la è una chi­me­ra. Pen­sia­mo poi – pro­se­gue Gior­da­no – al­l’u­so dei Dpi, al qua­le sono ora sot­to­po­sti i bam­bi­ni, so­prat­tut­to i più pic­co­li, per i qua­li non è pre­vi­sto ob­bli­go di ma­sche­ri­na. Lun­gi dal vo­ler por­ta­re la di­scus­sio­ne su un pia­no po­li­ti­co, cosa che non ci in­te­res­sa af­fat­to, pur­trop­po i dati re­la­ti­vi ai con­ta­gi di­mo­stra­no tut­t’al­tro. La ve­ri­tà è – condividono il Segretario  della Federazione Nazionale UGL Scuola, Cuzzupi e il Segretario Utl Matera, Giordano – che non si è in­ve­sti­to ab­ba­stan­za nel­la di­dat­ti­ca a di­stan­za. Ma di que­sta inef­fi­cien­za continuiamo a ripetere che la riapertura generalizzata in presenza non può prescindere da elementi certi di sicurezza per il personale scolastico, per gli studenti e per le famiglie. Il tutto senza neanche voler rilevare come a livello locale e nazionale, nelle passate settimane, poco o nulla sia stato fatto per mettere in atto un minimo d’interventi strutturali che potessero almeno migliorare lo stato delle cose. Questi fatti sono sotto gli occhi di tutti. L’UGL Scuola e l’Utl Matera non intendono in alcun modo farsi complici di chi pensa di utilizzare la scuola come mezzo di gestione del potere. Noi riteniamo che i lavoratori della scuola, gli studenti e le famiglie debbano essere tutelati al massimo e che il ‘valore vita’ sia al di sopra di ogni considerazione d’interesse o propagandistica. Tra l’altro – concludono Cuzzupi e Giordano – non si sottaci come la Didattica a Distanza, seppur nei limiti propri, stia avendo ottimi risultati grazie all’impegno dei docenti e del Personale ATA che, loro sì, hanno reso possibile la continuità scolastica. Non si buttino via questi sacrifici e questo patrimonio solo per una copertina di giornale o per un assurdo amor proprio!”.

Il Segretario Nazionale Ugl Scuola, Ornella Cuzzupi, sostiene quanto espresso dal Segretario Utl Matera, Pino Giordano.

Matera, 09 febbraio 2021.

                        Ugl Matera

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*