Ecocentro: ultimo colpo di coda della giunta Verri?

Si parla, ultimamente, del CCR (Centro di conferimento rifiuti), come se fosse il problema dei problemi di Pisticci, sottacendo, per esempio, la bonifica della zona C di Marconia, vera discarica a cielo aperto di amianto, il completamento della rete fognaria di Pisticci scalo, appaltata ad Acquedotto Lucano da oltre dieci anni e non ancora completata, la frana in zona Macello e lo stato di abbandono generale dell’intero abitato, con strade che sembrano aver subito un bombardamento aereo. Mi può spiegare qualcuno, perché dopo 5 anni dall’affidamento a Tekno Service del servizio di raccolta differenziata, durante i quali nessuno ha ravvisato il bisogno di realizzare un “centro di conferimento rifiuti”, oggi tutti parlano di questa ennesima discarica temporanea, come se fosse la cosa più importante ed irrinunciabile da realizzare? Chi l’ha stabilito? Esiste una relazione tecnica che ne giustifichi l’utilità? Con quali modalità si è risolto a tutt’oggi il problema ? Quali saranno i costi annui di gestione? Da chi sarà gestito?
Mi chiedo, poi, come abbiano fatto, le forze politiche di minoranza, nota la loro esperienza, a non capire che accettando di partecipare alla individuazione di un sito idoneo su cui realizzare questa ennesima discarica temporanea, di fatto avrebbero tolto ai grillini le castagne dal fuoco, ovvero la piena responsabilità di una scelta assolutamente impopolare.
Mi chiedo, ancora, se risponde a criteri di correttezza politica la decisione dell’amministrazione Verri di approvare a tutti i costi un’opera così controversa ed impattante per il territorio, pochi mesi prima di nuove elezioni.

Francesco Di Benedetto
Commissario politico Fratelli d’Italia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*