Vax Day: a Potenza i primi vaccini a infermiere e 4 medici

I vaccini al Covid-19 all'ospedale Spallanzani di Roma, 26 dicembre 2020. È passato meno di un anno tra l'inizio 'ufficiale' dell'epidemia di Sars-CoV-2 e il 'Vax Day' europeo, domenica 27 dicembre, quando si iniziano a inoculare i primi vaccini, che dovrebbero rappresentare l'inizio della fine della pandemia. ANSA/UFFICIO STAMPA MINISTERO SALUTE +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Tre postazioni, 105 dosi entro le 18 di oggi

Un infermiere del Pronto soccorso, Felice Arcamone, di 47 anni, è stato il primo a ricevere il vaccino anti covid-19, stamani, nell’ospedale “San Carlo” di Potenza dove le 105 dosi arrivate all’alba nel capoluogo lucana saranno somministrate tutte entro le ore 18 di oggi. Dopo Arcamone – che ha confessato ai giornalisti di provare una “leggera tensione” ma anche “un grande onore” per essere il primo a ricevere il vaccino – è stata la volta di quattro medici che dirigono i reparti di pronto soccorso, rianimazione, malattie infettive e pneumologia. Seguendo le procedure, dopo l’iniezione – che viene effettuata in tre postazioni distinte per velocizzare le operazioni – l’operatore vaccinato passa in una “sala osservazione”, dove resta per un quarto d’ora. Finora, nessuno ha avuto problemi di alcun tipo dopo aver ricevuto la dose di vaccino. Alla “cerimonia” delle prime vaccinazioni hanno assistito anche il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, l’assessore regionale alla sanità, Rocco Leone, e il direttore generale dell’azienda ospedaliera “San Carlo”, Giuseppe Spera, che hanno inaugurato un nuovo ingresso proprio del padiglione dove si effettuano le vaccinazioni. (ANSA).

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*