Matera, urge la riorganizzazione dell’ufficio tecnico comunale

Gli Ingegneri della provincia di Matera segnalano la necessità di riequilibrare la fuoriuscita di numerose risorse umane, adeguandole anche rispetto all’accresciuto fabbisogno.

L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Matera segnala che l’ufficio tecnico Urbanistica e Gestione del Territorio, al servizio dell’Amministrazione Comunale del capoluogo, ha subito, negli ultimi tempi, una vistosa riduzione dell’organico, causata da pensionamenti e dalla scadenza di contratti a tempo determinato di alcune unità operative, a fronte di un significativo incremento dei carichi lavorativi – per di più accentuati dal ricorso allo smart-working reso necessario dall’emergenza Covid-19.

“Non è un caso che, sin dai giorni della campagna elettorale per le ultime elezioni comunali” – dichiara il presidente dell’Ordine, Ing. Giuseppe Sicolo – “abbiamo chiesto in un confronto pubblico, ai due candidati sindaci, come intendessero – una volta eletti – organizzare l’ufficio tecnico, in considerazione dell’organico già ridotto e con la prospettiva di ulteriori ridimensionamenti. In quella occasione ricevemmo da entrambi assicurazioni in merito al funzionamento della macchina amministrativa; ma per il momento, con il nuovo sindaco già insediato, possiamo aggiungere che non sappiamo chi prenderà il posto del dirigente a contratto – designato dalla precedente amministrazione – che di fatto ha concluso il suo mandato”.  

“Per quanto ovvio” – prosegue il presidente Sicolo – “ci rendiamo conto dell’imponenza delle questioni da affrontare (tra queste, la problematica relativa al regolamento urbanistico il cui iter approvativo non è ancora concluso), e siamo solidali con i tecnici e i consiglieri comunali chiamati a fronteggiare questi momenti difficili, aggravati dalle contingenze di cautela sanitaria del periodo. Pur tuttavia, recependo le istanze dei colleghi e dei cittadini che quotidianamente accedono ai servizi comunali, sollecitiamo l’Amministrazione a risolvere quanto prima il problema del sottodimensionamento dell’organico. Nondimeno, come in ogni occasione, siamo a disposizione per dare il nostro contributo di conoscenza professionale per ottimizzare i processi operativi della macchina burocratica, e ci auguriamo di aprire presto un dialogo stretto con l’Amministrazione Comunale, a tutto vantaggio dei cittadini”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*