VERTENZA ECOLOGISTIC, NOTA STAMPA SINDACO PARISI

30 OTTOBRE 2020

Ieri ho preso parte alla Conferenza dei Servizi di Ecologistic e incontrato una delegazione sia dei lavoratori attualmente occupati presso l’azienda, che degli ex miroglini. Presente alla video call anche il responsabile della task force occupazione della Regione Puglia, Leo Caroli. 

La posizione dell’Amministrazione Comunale combacia con quella già assunta da lavoratori ed ex lavoratori e più volte rimarcata.

Nonostante siano passati degli anni, l’accordo tra Comune di Ginosa e Logistic&Trade, ora Ecologistic, non è stato mai ratificato al Ministero. E’ necessario che questo passaggio avvenga una volta per tutte. 

Al trattamento di 280.000 t/a di rifiuti autorizzato, quindi in teoria aumento del lavoro, non è corrisposto un aumento occupazionale. 

Nel corso della conferenza stampa dello scorso 23 ottobre da parte della governance di Ecologistic, sono state fatte diverse dichiarazioni, ma poche azioni sono state finora compiute. 

Di fatto, ad oggi il tavolo della task force non conosce il Piano Industriale. Nè, tantomeno, si conosce che fine abbia fatto il famoso secondo progetto che prevedeva il riciclaggio della plastica. Al suo posto, stando a quanto è possibile constatare, vi sarebbe l’intenzione di produrre CSS (Combustibile Solido Secondario) destinato agli inceneritori. A questo punto, ci si chiede se il Piano Industriale sia cambiato e se sia stata data debita comunicazione. 

In assenza di dialogo e trasparenza, il progetto non può proseguire. 

La situazione generale di questa vertenza deve essere chiarita in tutti i suoi aspetti, mentre i lavoratori ancora da ricollocare aspettano da troppo tempo azioni concrete e che gli accordi inizialmente presi vengano rispettati.

Questione Agromed. Si apprende in maniera positiva che finalmente sarà possibile dare il via alle bonifiche dell’ex stabilimento Miroglio di Castellaneta, mentre si attende il dissequestro dell’area da parte del GIP. Dopo di che, Agromed potrà dare il via al piano di reindustrializzazione dell’impianto.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*