PISTICCI: SI MOBILITA IL PD LOCALE IN VISTA DEI PROSSIMI APPUNTAMENTI ELETTORALI

PISTICCI. “ Si mobilita il PD locale  in vista dei prossimi appuntamenti elettorali, tra cui quello più importante per il prossimo  rinnovo del Consiglio Comunale e la elezione del nuovo sindaco in programma la prossima primavera. “ Durante un  recente consiglio  comunale – recita un documento appena diffuso dalle sezioni di Pisticci e Marconia – il Partito Democratico cittadino, attraverso il suo consigliere, ha lanciato  una proposta a tutto il campo progressista e moderato presente nel territorio, perché si raccolga in un progetto comune che abbia come obiettivo il rilancio di Pisticci al fine di uscire  da un sempre più manifesto isolamento”. Dopo aver ricordato che  Pisticci sta attraversando una profonda crisi economica e culturale, che incide e si riflette sempre più drammaticamente  sul suo profilo sociale e che chiede  e deve ottenere risposte  quanto mai  concrete, la nota così prosegue: “ Per questo motivo il PD riprende la proposta di allora e la ripropone con ancora più slancio chiedendo a quanti hanno la volontà di un comune impegno, di iniziare insieme un discorso di ragionamento e riflessione con spirito programmatico su una possibile rinascita che può essere  immaginata abbandonando demagogia e improvvisazione. Un progetto per Pisticci ha bisogno della disponibilità e della offerta delle diverse esperienze e competenze accumulate in campo politico, economico, produttivo, sociale, culturale, e associativo insieme alla partecipazione civica e alla passione personale sostenuta sempre più spesso da studio e lavoro”.  Secondo il PD locale, la matrice comune deve essere la convinzione che il territorio possa uscire dall’anonimato  in cui è finito, facendo convergere gli sforzi sulla costruzione di nuove elaborazioni  che potrà rappresentare un requisito importante per un nuovo progetto di città. “ Diamoci la possibilità di una ricetta politico – amministrativa e intraprendiamo un viaggio dentro i nostri problemi che deve andare oltre la denuncia dello stato  corrente e che deve addentrarsi nei meandri delle nostre fatiche per indirizzare a nostro vantaggio  il prossimo futuro. Naturalmente – si legge ancora nella nota – esistono delle puntualità che devono caratterizzare un progetto comune e il lavoro deve ritornare in cima alle  priorità  amministrative insieme al rilancio economico e produttivo per garantire opportunità e benessere per tutti i cittadini, migliorando servizi, strutture e la loro efficienza. Tutto questo – continua e  conclude il,documento – ha bisogno di una politica forte e compatta che rinunci ad esprimere improbabili salvatori della patria o sedicenti superuomini che con la sola forza di un curriculum vitae,  riescono a sollevare un intero territorio dal declino. Il futuro di tutti noi dunque, dipende da un largo campo politico di stampo progressista e moderato, che sia capace di ascolto e dialogo e che si metta a disposizione  delle esigenze territoriali al fine di raggiungere obiettivi  concreti in un respiro temporale largo e a lungo termine”.  

MICHELE SELVAGGI 

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*