CONTRIBUTI PRIMA CASA, VIZZIELLO ILLUSTRA LA LEGGE

“ Misure di sostegno per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa di proprietà”.

blob:https://www.consiglio.basilicata.it/f826cd3d-e5c0-4840-b496-6b560fd9dd70

“Ridurre il disagio abitativo delle famiglie lucane, nella più ampia accezione del termine, garantendo un contributo economico da parte della Regione, finalizzato all’acquisto e alla ristrutturazione della prima casa di proprietà in favore, prioritariamente, delle giovani coppie, dei nuclei familiari monogenitoriali con figli minori e dei nuclei familiari con almeno tre figli a carico, contribuendo, al contempo, alla ripresa economica del settore delle costruzione, che da sempre riveste un ruolo rilevante nell’economia lucana e che da oltre un decennio fa registrare dinamiche tutt’altro che rosee”.

E’ il tema della Conferenza Stampa che si è tenuta questa mattina presso il Palazzo del Consiglio regionale della Basilicata e nella quale il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Giovanni Vizziello ha illustrato i contenuti della legge “ Misure di sostegno per l’acquisto e la ristrutturazione della prima casa di proprietà” approvata nei giorni scorsi e di cui il Capogruppo di Fratelli d’Italia è primo firmatario.

Vizziello, dopo aver ringraziato l’intera maggioranza di centro destra e le forze di opposizione che hanno condiviso l’iniziativa legislativa ed hanno contribuito a migliorarne il dettato normativo, ha spiegato che le agevolazioni previste consistono tanto nell’abbattimento di una percentuale degli interessi dei mutui stipulati per l’acquisto della prima casa di abitazione, quanto nella erogazione di idonee garanzie a carico della Regione ed in favore dei beneficiari che non riescono, da soli,  ad offrire sufficienti garanzie agli istituti di credito relativamente al mutuo che intendono contrarre.

“Precise e chiare valenze di welfare abitativo”-ha aggiunto Vizziello con riguardo al contenuto della legge-“ cui si aggiungono finalità di ripresa del settore delle costruzioni, che nella nostra regione non è ancora riuscito a smaltire gli effetti della crisi cominciata nel 2007 e che ha determinato nel comparto la perdita di quasi 6000 posti di lavoro nel decennio 2007-2017.”

“Nel biennio 2018-19 il mercato residenziale in Italia ha fatto registrare una positiva ripresa, con un incremento delle compravendite immobiliari del 6,5%”-ha aggiunto l’esponente di Fratelli d’Italia- “un trend che però non trova riscontro in Basilicata, unica regione d’Italia dove il volume degli scambi immobiliari si è contratto del 6% rispetto al dato riferito all’annualità 2017.”

“I mutui, insieme al prezzo delle abitazioni e al reddito disponibile dei cittadini” -ha spiegato Vizziello-“ sono i tre elementi che fanno da volano al mercato immobiliare e consentono il soddisfacimento del diritto all’abitazione da parte delle famiglie, quindi pensiamo sia giusto l’intervento regionale sui mutui, atteso che il PIL pro capite in Basilicata è in media di 21000 euro, vale a dire il 68,1% del PIL pro capite che si registra nel Centro Nord del Paese.”

“E’ del resto scritto nella Costituzione italiana e nello Statuto regionale” -ha concluso il Capogruppo di Fratelli d’Italia-“ che è compito delle istituzioni mettere in campo azioni dirette alla rimozione degli ostacoli di natura economica e sociale che si presentano nelle diverse fasi della vita familiare, con particolare riguardo a quelli di carattere abitativo ed economico”.

Alla Conferenza Stampa tenuta dal consigliere Vizziello ha partecipato anche l’avvocato Francesco Genzano, Presidente di Confedilizia Basilicata, che ha sostenuto “ la positività del nuovo corso instaurato dalla Regione e diretto a garantire la più ampia partecipazione delle associazioni di categoria nei processi decisionali” -come avvenuto, ricorda Genzano-“ in occasione dell’adozione da parte del Consiglio regionale di questa legge, che può contribuire ad alleviare lo stato di indigenza in cui versano tante famiglie lucane, consentendo loro di raggiungere l’obiettivo della prima casa di proprietà”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*