PISTICCI FESTA SAN ROCCO 2020 IN FORMA RIDOTTA. SI INIZIA IL 1 AGOSTO CON SPARO DI MORTARETTI

PISTICCI. L’emergenza virus non lascia scampo. Come per altre sagre e festeggiamenti di Santi Patron degli altri centri, anche  quelli  in onore  del Nostro  San Rocco, da sempre programmati per i giorni 15-16 e 17 agosto di ogni anno, subirà un drastico cambiamento. “Nulla impedirà al sole di sorgere ancora, nemmeno la notte più buia. Perché oltre la nera cortina della notte c’è un’alba che ci aspetta”. Esordisce così un comunicato della Parrocchia S.Pietro e Polo  che  informa  delle decisioni in merito ai festeggiamenti  per San Rocco, la Vergine e San Vito da sempre in programma a metà agosto. La nota così prosegue: “ Carissimi. Quest’anno la nostra Feste Patronale , esempio di fede antica e profonda, momento di devozione della storia della nostra città, ricade in un momento  storico che mette a dura prova la nostra comunità e  costituisce una sfida ancora più forte  e difficile dal punto di vista religioso, turistico e sociale. Purtroppo e a malincuore, ma con grande senso di responsabilità  e nella massima prudenza, in ottemperanza ai  DPCM e alle disposizioni della CEI ( Conferenza Episcpale Italiana) quest’anno vivremo le nostre feste in forma profondamente rivisitata a causa della emergenza Covid 19. Per la giornata del 1 agosto – continua la nota –  seppur in maniera del tutto insolita, abbiamo deciso di mantenere viva la tradizione  di questo giorno con breve programma che prevede: ore 6,00 sparo di colpi oscuri; ore 6,15  Santa Messa nella Cappella di San Rocco  con traslazione delle Venerata immagine  del Santo in Chiesa Madre, in forma privata , su mezzo meccanico  e senza partecipazione di fedeli per l’0inizio  del solenne Novenario in preparazione alla festa religiosa che inizierà il giorno 3 agosto. Vi chiediamo di rispettare le regole del distanziamento sociale di almeno un metro, di indossare la mascherina e di attenervi alle disposizioni  impartite, di non creare assembramenti durante la transazione  della venerata immagine di San Rocco”. Solo per la storia e la tradizione, ricordiamo che quei botti di primissima mattina  di oggi 1 agosto, ricordavano alla città  che era giunto il momento di pagare i debiti contratti nel corso dell’anno. Una tradizione ultra, ultra secolare che quest’anno comunque, non viene interrotta. 

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*