PISTICCI. Un’autentica, interessante novità. Una petizione per la realizzazione della “ciclovia della Magna Grecia.”

La lancia sulla piattaforma chiange.org il nostro compaesano Dr. Giuseppe Schiraldi, otorinolaringoiatra dell’Ospedale di Policoro e Tinchi e cicloamatore,  che attraverso questa iniziativa, tra gli amatoriali e non, intende raggiungere  un alto numero di consensi per arrivare allo scopo prefissato per la realizzazione della sua idea. “In pratica – come lo stesso ci spiega – si tratta di  creare un percorso ciclabile  lungo l’intero arco ionico, da Santa Maria di Leuca in provincia di Lecce,  a Brancaleone Marina in provincia di Reggio Calabria, passando  per il Golfo di Taranto, toccando il metapontino e il restante tratto lucano sulla costa. Questo tratto, che va da Bernalda a Nova Siri – aggiunge –  risulta essere stato già finanziato  con il comune di Scanzano ionico capofila, attraverso un bando di gara per un importo a base d’asta  di 94.481 euro, con fondi messi a disposizione dalla Regione di Basilicata”. Secondo Schiraldi, “ ci troviamo di fronte ad un percorso di grande valore paesaggistico ma anche culturale, con le città della Magna Grecia,  Taranto Metaponto, Heracklea e Sibari  che ricadono lungo il tracciato. Un progetto  importante, ambizioso e di grande interesse turistico  che, se attuato,  potrebbe favorire le numerose strutture  ricettive  dell’intero arco ionico calabro lucano pugliese, con ricadute importanti  sulla occupazione del territorio”.  Schiraldi, infine,  ha  precisato che la petizione è indirizzata anche al Presidente  del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e a  tutto il Governo italiano.

MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*