Riavvio del Turismo culturale nella regione Adriatico Ionica (ADRION). Idee e proposte dal partenariato di THEMATIC. Webinar di presentazione del Rapporto il 9 luglio 2020

Il 9 luglio 2020 alle ore 15.30 si terrà presso il Campus dell’Università della Basilicata il webinar di presentazione del rapporto “Riavvio del Turismo culturale nella regione Adriatico Ionica  (ADRION)” L’Università della Basilicata ospiterà gli stakeholder locali in collegamento con i partners del progetto di cui L’Università della Basilicata è capofila, e che vede la partecipazione di partners dalla Slovenia, Croazia, Serbia, Albania e Grecia. Nel webinar verrà presentato il rapporto elaborato dal Partenariato THEMATIC, con la valutazione dell’impatto della crisi, e le possibili strategie per la ripresa. Il turismo culturale e naturalistico nella regione adriatico-ionica ha subito le peggiori conseguenze della crisi sanitaria.  La lunghezza della crisi, i danni permanenti che ha prodotto al sistema economico, le misure a lungo termine che vengono proposte per ridurre l’impatto della crisi futura, stanno producendo un cambiamento radicale del quadro sociale, culturale e tecnico per il turismo in generale, e in particolare per il turismo culturale. Poiché il turismo culturale è transnazionale e internazionale nella sua natura più profonda, l’attenzione temporanea sui mercati nazionali, forzata dalle restrizioni sui viaggi e sulla mobilità locale, non può essere considerata una soluzione a lungo termine per il riavvio. Il ritorno a un turismo culturale sostenibile, internazionale e aperto è essenziale, soprattutto per le destinazioni culturali più piccole, numerose nella regione adriatico-ionica. La cooperazione territoriale europea può rappresentare uno strumento essenziale per l’accelerazione dell’innovazione necessaria per prodotti e processi, la capitalizzazione delle migliori pratiche, lo sfruttamento delle sinergie per lo sviluppo delle capacità. La partnership del progetto THEMATIC guidata dall’Università della basilicata, è pronta a fare la sua parte.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*