SANITÀ – CHI VUOL CHIUDERE IL CENTRO DI IGIENE MENTALE A GINOSA?

CIRCOLO PD “LATORRE” DI GINOSA CIRCOLO PD DI MARINA DI GINOSA

Stanno chiudendo il centro C. di Igiene Mentale a Ginosa.

Il medico non è più presente (al massimo una vola alla settimana il venerdì), i disagi sono notevoli e i malati hanno grandi difficoltà a curarsi.

Il S.I.M. (meglio conosciuto come C.I.M.) fu istituito a Ginosa circa 40 anni fa, prima ancora che nascesse una seconda sede a Castellaneta.

Da allora, purtroppo o per fortuna, ha seguito e segue i pazienti di Ginosa, Marina di Ginosa, Laterza, con un’utenza media di circa 180 unità, patologie particolarmente difficili e delicate che necessitano di costante monitoraggio. I pazienti hanno assoluto bisogno di rapporti interpersonali, equilibrati e continui, con tutti gli operatori sanitari. Da qualche mese sono allo sbaraglio e in pochi hanno la possibilità (anche economica) di recarsi a Castellaneta per la continuazione della terapia. 

Ginosa non può permettersi di perdere definitivamente anche questo straordinario presidio sanitario!

È incredibile come nel momento in cui il governo ha erogato 3,5 miliardi di euro per potenziare la sanità, soprattutto la medicina territoriale, si stia procedendo alla soppressione di un servizio appunto “territoriale” di tale importanza.

È incredibile come a livello nazionale sia aperto il dibattito sulla richiesta del ricorso al MES (fondi salva-stato) per potenziare e ristrutturare il sistema sanitario nazionale, circa 35 miliardi di euro, mentre a Ginosa si valuti la possibilità di accentrare tutto il servizio in una sola sede “tagliando” di fatto la medicina territoriale.

Il mio è un appello ed un invito al Sindaco (massima autorità sanitaria locale) ad intervenire tempestivamente per scongiurare questa catastrofica e sciagurata decisione. 

Nel contempo il Partito Democratico si fa promotore di una iniziativa di mobilitazione che coinvolga i cittadini, le OOSS, i movimenti, le associazioni e tutti i partiti della nostra comunità.

Il Capogruppo PD

Paolo Costantino

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*