Contributo di emergenza Comunale: pubblicato l’avviso. Documentazione e modulistica disponibili sul sito internet del Comune.

Dopo gli interventi a favore di commercianti, artigiani, mercatali ed imprese edili, attraverso il taglio dei tributi comunali, scocca l’ora del contributo di emergenza comunale.È stato pubblicato l’avviso attraverso il quale sarà possibile accedere alla misura una tantum istituita dalla giunta comunale presieduta dal sindaco Alesio Valente, con fondi comunali, allo scopo di sostenere quanti non godano di altre forme di sostegno adeguate. L’avviso, con la relativa modulistica, è disponibile sul sito del Comune, nella sezione “Avvisi pubblici”, all’indirizzo https://www.comune.gravina.ba.it/avviso-pubblico-contributo-di-emergenza-comunale/Dettagli: al Cec si potrà accedere una sola volta. A seconda delle situazioni e del numero dei componenti del nucleo familiare, l’importo del contributo sarà pari a 150 euro per ogni richiedente, più 50 euro per ogni altro componente della famiglia. Il contributo sarà erogato in una duplice forma: o interamente in ticket alimentari oppure al 50% in ticket alimentari e per il resto in contanti, così da garantire un più ampio margine per il pagamento di bollette, imposte e l’acquisto di indumenti, ma comunque previa verifica delle criticità lamentate e poste a base dell’opzione per tale modalità. La misura è riservata ai cittadini che versino in condizioni di indigenza, che non siano beneficiari di ammortizzatori sociali o redditi di sostegno e con un ISEE in corso di validità non superiore ai 12.000 euro. Saranno altresì oggetto di valutazione lo stato di disoccupazione di tutti i componenti maggiorenni del nucleo famigliare e l’eventuale titolarità, in capo agli stessi, di ammortizzatori sociali come Reddito di cittadinanza, Rei, Red 3.0, cassa integrazione non superiore ai 150 euro per ciascun componente. Rileverà anche l’intestazione di conti correnti con giacenza media inferiore ai 1.500 euro per ciascun componente del nucleo familiare. Ancora: l’istanza, unitamente alla documentazione richiesta, andrà presentata entro dieci giorni dalla pubblicazione dell’avviso, con la possibilità di integrarla entro altri cinque giorni, se sprovvista delle informazioni o dei documenti richiesti. La stessa potrà essere depositata a mani presso gli Uffici dei Servizi Sociali di via Sottotenente Buonamassa (nei pressi della chiesa di San Domenico), oppure a mezzo mail, utilizzando l’indirizzo servizi.sociali@comune.gravina.ba.it o la pec servizi.sociali.gravinainpuglia@pec.rupar.puglia.it.Avvertenze: verranno escluse, oltre alle domande incomplete, quelle pervenute da cittadini che abbiano rilasciato, in precedenza, dichiarazioni mendaci circa la propria situazione finanziaria. Gravina in Puglia, 15 Maggio 2020. Ufficio StampaComune di Gravina in Puglia

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*