L’Associazione “Maruzza” Basilicata Onlus e i Carabinieri insieme per essere vicini ad alcune famiglie “speciali” del potentino.

SONY DSC

I Carabinieri del Comando Provinciale di Potenza, nei giorni del “Coronavirus”, sono  costantemente attivi nel controllo del territorio e nell’attuazione dei molteplici compiti d’istituto attribuiti alla Benemerita, ma soprattutto, come testimoniato con più iniziative, votati alla vicinanza e al sostegno concreto nei confronti delle numerose comunità locali della provincia e dei loro cittadini.

Tenendo fede alla naturale vocazione alla prossimità verso i territori e le persone più fragili, seppur impegnati in questo periodo nel verificare che vengano rispettate il più possibile le misure previste dalle Autorità governative, a tutela della stessa popolazione, le donne e gli uomini dell’Arma potentina hanno dato corso ad un ulteriore gesto di solidarietà mediante la distribuzione ad alcune famiglie “speciali” di mascherine protettive donate dall’Associazione “Maruzza” Basilicata Onlus di Potenza, operante sul capoluogo e in provincia, che con il personale volontario, si occupa oramai da diverso tempo di fornire un supporto concreto a ben 57 nuclei familiari, i cui figli sono affetti da diverse patologie, croniche e rare, di modo da consentire loro di vivere una vita “più normale” possibile.

Ed è così che, nel giro di pochi giorni, è stata condivisa l’idea di raggiungere 19 famiglie presso i rispettivi domicili di Bella, Cancellara, Tito, Ruoti, Brienza, Pietragalla, Picerno e Potenza, presso le quali le stesse si sono viste recapitare dai Carabinieri i manufatti protettivi, strumento particolarmente utile ed efficace per evitare possibili forme di contagio e diffusione del virus.Si è trattato di semplici momenti ma profondamente significativi per condividere frangenti di sollievo e spensieratezza, soprattutto per i bambini, che hanno visto arrivare presso le loro case i Carabinieri a bordo delle autovetture in dotazione, così da condividere un “sorriso”.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*