#M5S – Massima solidarietà e sostegno a favore di tutta la categoria imprenditoriale gravinese che opera nel settore della ristorazione e del turismo

Gli imprenditori di Gravina e Poggiorsini hanno chiesto ai loro rispettivi comuni una particolare attenzione tesa a limitare il danno economico derivanti dalla grave emergenza sanitaria in atto. 

Tali richieste sono pienamente condivise dalle portavoce del Movimento Cinque Stelle di Gravina, Rosa Cataldi, Raffaella Colavito e Ketti Lorusso. 

“Pub, ristoranti, bar e sale ricevimento hanno le serrande abbassate oramai da settimane – dichiarano le pentastellate –  e, insieme alla crisi sanitaria e quella umana ed emotiva, comprensibile e ovvia, è sempre più concreta la presenza di un recessione economica con pochi precedenti nella storia. 

Zero possibilità di incasso, unite ad affitti e mutui da pagare, – sottolineano le consigliere del Movimento Cinque Stelle – sono problematiche che accomunano tutte le imprese e, in particolare, di quelle che operano nel settore della ristorazione e del turismo.

Pertanto, non possiamo sottrarci dal condividere pienamente le richieste avanzate e contenute nel documento che gli imprenditori hanno protocollato presso i Comuni di Gravina e Poggiorsini.

Tale documento, – precisano le portavoce – ha ad oggetto la richiesta di eliminare, per tutto l’anno 2020, i tributi comunali a carico dei ristoratori e di aprire, da subito, un tavolo con i loro referenti per programmare la cosiddetta “Fase 2”nella quale dovranno essere previsti  incentivi e sgravi anche, ed eventualmente, per gli anni successivi.

Ci auguriamo – concludono le consigliere –  che il nostro Comune si faccia carico di tali richieste e che sia nelle condizioni effettive di poterle economicamente sostenere.

Da parte nostra, come sempre, daremo la massima disponibiltà affinchè l’amministrazione di questa città possa trovare la quadra per mettere in campo tutte le risorse necessarie a sostegno di questa categoria di imprenditori gravemente colpita dall’emergenza sanitaria.”

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*