EMERGENZA CORONAVIRUS – COME POTRA’ ESSERE L’ESTATE 2020 SUI NOSTRI LIDI

PISTICCI. Nulla potrà essere come prima. Prossima stagione estiva compresa. Lo shock provocato dal Coronavirus, con tutte le conseguenze che ne sono derivate, non ferma comunque l’intenzione di ripartire con l’attuazione di quella che viene indicata come “fase 2”, programmata più o meno per la prima decade di maggio. A questa sono legate misure strettamente necessarie, accompagnate – auspichiamo noi – più da raccomandazioni, che da imposizioni. Ormai siamo nella avanzata seconda metà di aprile e fra circa un mese, come da noi succede ormai da decenni, ma anche altrove, a fine maggio principi di giugno, parte la stagione balneare. Una stagione estiva, la prossima, diversa, anzi, completamente stravolta rispetto alle altre; una stagione senza precedenti e senza trascorsi punti di riferimento a cui aggrapparsi dopo i gravissimi problemi “ regalati” dal Covid 19 con il suo insorgere. Ma la stagione dovrà comunque ripartire e tutto fa pensare ad uno stravolgimento delle regole con le nuove che saranno dettate per l’occasione. Ancora non ci sono indicazioni, ma il ministro Franceschini ha tenuto ad assicurare che nel prossimo decreto si penserà soprattutto al turismo con interventi mirati nel settore. Settore, che interessa da vicino anche le nostre spiagge, quelle che vanno dai lidi del metapontino fino a Nova Siri e Rotondella, passando dai litoranei pisticcesi, di Scanzano e Policoro, con i tantissimi insediamenti turistici sparsi lungo una trentina di chilometri. Tra le tante cose che sui comportamenti da seguire si sentono in giro – sempre che i contagi scendano in modo vistoso prima della estate – ce ne è uno che sicuramente non dovrebbe essere attuato: gli ombrelloni non saranno separati da pareti di plexigas come qualcuno aveva avanzato. L’ipotesi, che ridurrebbe gli angoli di spiaggia ad una specie di ghetto, con un incredibile effetto serra, è già stata scartata nei giorni scorsi dalla maggior parte degli operatori turistici nostrani. Una presa di posizione forte e legittima la loro, che avrà sicuramente il suo peso anche nelle altre scelte che saranno attuate. Ipotesi più reale di cui si parla, anche quella di un distanziamento tra le varie postazioni degli ombrelloni, oltre a una equa distanza dei tavoli nei bar e ristoranti dei lidi e magari di file, simili a quelle imposte nei supermercati, per accedere ai servizi, con l’uso di mascherine solo nelle zone comuni. Queste, ripetiamo, sono solo ipotesi, ma alla base di tutte le decisioni, a dettare norme saranno, prima di tutto, le indicazioni delle autorità sanitari. E’ chiaro comunque, che quest’anno sugli arenili ci saranno meno posti a disposizione per via delle ristrettezze, penose, ma purtroppo anche necessarie, da adottare. Problema a parte quello per le spiagge libere, dove si porrà in modo specifico quello legato alle distanze da osservare. Ovviamente, a tutto c’è un rimedio e caso per caso se ne studierà uno adatto. L’obiettivo per tutti però, è comunque quello di tornare in spiaggia. In una stagione anomala. Ma sempre bella e piena di sole e mare pulito. Naturalmente, sempre che, come tutto lascia sperare, dai contagi e da tutto il resto, arrivino buone notizie. MICHELE SELVAGGI

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*