Covid-19, ospedale Villa d’Agri – Si pongano in essere tutte azioni necessarie a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici. Esenzione dal servizio durante sanificazione e tavolo permanente su estensione rischio da malattie infettive

Esprimiamo solidarietà e vicinanza a tutti gli operatori della sanità che fronteggiano in prima linea l’emergenza legata al Covid 19, lavoratori e lavoratrici la cui salute va tutelata adeguatamente, non solo perché hanno diritto alle tutele come tutti gli altri lavoratori, ma perché in questo momento la loro salute garantisce anche quella di tutti noi.

Quello che sta accadendo nel presidio ospedaliero di Villa d’Agri e di riflesso nel presidio Asp, dimostra quanto sia preziosa questa tutela.

Chiediamo che si pongano in essere tutte le azioni atte a garantire la salute degli operatori sanitari e dei pazienti, sia per quanto riguarda i tamponi, che sono già in corso, sia per quanto concerne la sanificazione dei presidi ospedaliero e sanitario, già prevista per il prossimo giovedì, giorno entro il quale i pazienti ricoverati saranno dimessi se le loro condizioni di salute lo permetteranno o trasferiti al San Carlo di Potenza.

Chiediamo per il personale assegnato al presidio ospedaliero e sanitario presso la struttura di Villa D’Agri, l’esenzione dal servizio per i giorni necessari all’attuazione di tutte le misure di sanificazione e sicurezza previste, come stabilito dal disegno di legge del 16 marzo 2020 che all’art. 83, comma 2, prevede la possibilità per le amministrazioni di esentare motivatamente il personale dipendente dal servizio equiparando il periodo di assenza a servizio prestato a tutti gli effetti di legge.

L’auspicio è che quanto accaduto sia da monito sulla necessità di dotare di tutti i presidi di sicurezza necessari coloro che stanno gestendo in prima linea l’emergenza sanitaria in atto: tutelare questo personale significa tutelare la salute di tutti i cittadini.

Sarebbe opportuno, infine, istituire un tavolo permanente per avviare, appena la situazione emergenziale lo consentirà, la contrattazione su alcuni istituti e prevedere forme d’incentivazione economica attraverso un’estensione del rischio da malattie infettive per il personale che, con grande abnegazione, sta affrontando in prima linea questa pandemia. A tal proposito bisogna ribadire che già l’Inail ha riconosciuto la sussistenza del rischio specifico da Covid 19.

La sicurezza dei lavoratori viene prima di tutto e gli operatori della sanità, insieme a tutti i lavoratori dei servizi pubblici e privati, nonostante scarse garanzie e grande preoccupazione per sé e per i propri cari, continuano a lavorare al servizio del nostro paese con generosità e coraggio senza sosta e il loro impegno a favore del bene comune merita le giuste risposte.

Giuliana Scarano Giovanni Sarli Antonio Guglielmi

Segretaria Fp Cgil Potenza Segretario regionale Cisl Fp Segretario regionale Uil Fpl

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*