Anche Radio Laser si unisce, venerdì 20 marzo, alle 11, in contemporanea nazionale alla trasmissione dell’inno di Mameli

“La radio per l’Italia”, tutte le emittenti unite per diffondere l’inno di Mameli e tre brani in contemporanea

Tutte le radio italiane, da quelle nazionali a quelle locali, venerdì 20 marzo, alle 11, trasmetteranno la stessa cosa come segnale di unione e speranza in questo momento difficile

L’appuntamento è per venerdì 20 marzo, alle 11. A quell’ora, per la prima volta nella storia del nostro Paese, tutte le radio d’Italia, nazionali e locali, su tutte le piattaforme fm, dab, in televisione e in streaming sui siti e sulle app delle radio, l’inno di Mameli e tre canzoni che hanno fatto la nostra storia. E’ “La radio per l’Italia“, l’iniziativa pensata per dare un segnale di conforto e di unione in questo momento difficile per l’emergenza coronavirus.

E’ la prima volta che accade, a quasi cento anni dal primo programma radiofonico, che risale al 6 ottobre del 1924. Un’iniziativa straordinaria e unica che vuole dare ancora più forza a tutti gli italiani e all’Italia che deve andare avanti unita, mostrandosi coesa in questo momento di emergenza mondiale.

Parteciperanno all’iniziativa le emittenti radiofoniche nazionali: Rai Radio 1, Rai Radio 2, Rai Radio 3, Rai Isoradio, M2O, R101, Radio 105, Radio 24, Radio Capital, Radio Deejay, Radio Freccia, Radio Italia Solomusicaitaliana, Radio Kiss Kiss, Radio Maria, Radio Monte Carlo, Radio Radicale, Radio Zeta, RDS 100% grandi successi, RTL 102.5, Virgin Radio.

Inoltre, parteciperanno anche le emittenti radiofoniche locali aderenti all’Associazione Aeranti-Corallo ed all’Associazione Radio Locali FRT-Confindustria Radio Tv. Tutto il Paese è invitato a sintonizzarsi sulla propria stazione radio preferita, quella che accompagna ognuno nella propria quotidianità, ad alzare il volume, ad aprire le finestre e uscire sui balconi per cantare tutti insieme, sventolando il tricolore o mostrando un simbolo dell’Italia, per un momento che sia di riflessione e buona speranza per tutti.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*