Coronavirus, il Comune di Castellaneta attiva il Centro operativo comunale e potenzia i servizi ai cittadini

Con una convocazione d’urgenza, l’Amministrazione Gugliotti si è riunita a palazzo di città nella prima mattinata di domenica 8 marzo, in seguito alle recentissime disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Puglia, al fine di mettere in campo tutte le iniziative utili al contenimento della diffusione del Covid-19.
In primis, è stato attivato il COC – Centro Operativo Comunale e i dispositivi di Protezione Civile comunale.
A seguire, le iniziative messe in campo riguardano il potenziamento del Pronto Farmaco, consolidato servizio che si occupa della consegna gratuita a domicilio del materiale sanitario, di ricette specialistiche
e di controlli sanitari, con un ampliamento degli orari e degli operatori. Allo studio anche l’istituzione di un servizio di consegna della spesa a domicilio, a favore delle fasce anziane della popolazione. Nel pomeriggio di lunedì 9 è in agenda un incontro con i rappresentati di categoria dei commercianti locali, con lo scopo di individuare le
modalità più utili allo scopo.
E ancora, sotto il profilo della comunicazione, per facilitare il flusso di informazioni ai cittadini e arginare la diffusione di fake news, è stata allestita in poche ore e attivata una sezione a tema sul portale istituzionale dell’Ente, dove trovare tutte le informazioni su cosa fare, numeri utili, link e moduli online, decreti ed ordinanze, oltre a documenti utili, come un modello delle norme igienico sanitarie pronto per la stampa e affissione nei luoghi pubblici e attività commerciali.
Con un messaggio trasmesso in diretta video, il sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti ha voluto direttamente informare la comunità locale sulle novità introdotte dai decreti del Governo e della Regione Puglia,
che riguardano il divieto di spostamento delle persone in entrata e in uscita dalla regione Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti,
Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, salvo che per comprovate esigenze lavorative o per motivi di salute.
Per tutti coloro che provengono dai suddetti territori e che hanno fatto ingresso in Puglia, ai sensi dell’Ordinanza n. 177/2020 del Presidente della Regione, vi è l’obbligo di comunicare tale circostanza al proprio
medico o all’operatore di sanità pubblica territorialmente competente e osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni.
Inoltre, sino al 3 aprile sono sospesi congressi, meeting ed eventi sociali; manifestazioni, eventi e spettacoli, compresa la chiusura di cinema e teatri; le attività di pub, sale da ballo, sale giochi, sale scommesse e locali assimilati, discoteche; l’apertura musei e luoghi della cultura; lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar, con
l’obbligo a carico del gestore, di far rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro.
«In questo momento di difficoltà – aggiunge il primo cittadino di Castellaneta – dobbiamo attenerci alle disposizioni del Governo e alle norme di comportamento igienico sanitarie. Ne usciremo solo se sapremo
dimostrarci maturi anche nel cambiare il nostro stile di vita, evitando stretti di mano e abbracci, riducendo gli spostamenti e le uscite allo stretto necessario, una preghiera che rivolgo in particolare alle
persone anziane».

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*