Alla Chiesa di Dio che è in Matera – Irsina: messaggio del Vescovo

Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo Arcivescovo di Matera – Irsina

Alla Chiesa di Dio che è in Matera – Irsina

Carissimi,

in comunione con tutti i Vescovi della Regione Ecclesiastica della Basilicata, accogliendo l’ultimo decreto del Governo emanato domenica 8 marzo (articolo 2 – lettera v) 

STABILISCO

che vengano sospese le celebrazioni liturgiche e ogni altra funzione o evento religioso –  e quindi anche la celebrazione pubblica della S. Messa, comprese le esequie – da oggi fino a nuove indicazioni (attualmente il decreto è in vigore fino al 3 aprile).

  Per queste ultime, alla presenza unicamente dei familiari più stretti, sono consentiti i riti di benedizione della salma nelle cappelle a ciò adibite (al cimitero o presso l’obitorio) o nella casa del defunto, ASSOLUTAMENTE SEMPRE rispettando le condizioni richieste. La Santa Messa di suffragio sarà celebrata al termine delle disposizioni in vigore. 

Non si celebri il rito nelle Chiese parrocchiali, in quanto non si potrebbe evitare il concorso di più persone. 

Chiedo che le Chiese rimangano aperte per la preghiera personale. 

Si garantiscano i sacramenti della Riconciliazione e dell’Unzione degli Infermi rispettando le dovute precauzioni. 

Pertanto da domenica pomeriggio 8 marzo ogni celebrazione pubblica viene sospesa e al contempo ogni obbligo di assolvere al precetto festivo. 

Raccomando la preghiera personale, avvalendovi dei mezzi di comunicazione sociali (Radio e Televisione) per le celebrazioni feriali e festive.

Vi propongo il testo di una preghiera che affido a ciascuno di voi. Potete recitarla accendendo la candela che avete ricevuto il giorno della Candelora o un cero simbolo della nostra fede. 

Possa questa misteriosa prova, a cui il nostro popolo è sottoposto, aiutarci a riscoprire 

maggiormente il valore della preghiera e il rapporto personale con il Signore, che rimane la fonte della nostra Speranza e che ci libera da ogni angoscia e smarrimento. 

Invochiamo la Madonna e i nostri Santi perché ci custodiscano dal male e ci proteggano, sostenendo la nostra fede. 

Infine, chiedo che si abbia particolare attenzione per i nostri anziani e ammalati, non lasciandoli mai soli! 

Uniti nella preghiera comune. 

 

Antonio Giuseppe Caiazzo 

Arcivescovo di Matera Irsina

 

Il Cancelliere Arcivescovile 

Don Vittorio Martinelli

Dato a Matera, Domenica 8 marzo 2020.

Commenta per primo

Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*